/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, ecco il villaggio contadino della Coldiretti: “Dal 27 al 29 aprile la città sarà capitale dell’agricoltura italiana”

Bari, ecco il villaggio contadino della Coldiretti: “Dal 27 al 29 aprile la città sarà capitale dell’agricoltura italiana”

“Per tre giorni Bari sarà la capitale dell’agricoltura e dell’agroalimentare italiano, perché rappresenta la culla della dieta mediterranea con la produzione al top in Italia di olio extravergine di oliva, pomodoro e grano”. Così, in una nota, Coldiretti annuncia l’inaugurazione del villaggio contadino previsto alle ore 9.30 di venerdì 27 aprile sul lungomare Imperatore Augusto e in piazza del Ferrarese, dove rimarrà per tutto il weekend con un’area dedicata all’agricoltura sociale, con esempi dal vivo di solidarietà e agri welfare per stare al fianco dei più svantaggiati.

“Si darà spazio al più grande mercato a chilometri zero di Campagna Amica – scrivono da Coldiretti - con un’area dedicata alla solidarietà ma anche alla scoperta di piatti da gourmet con tutti i menu a 5 euro. Un ritorno alle radici del Made in Italy, con i sapori antichi della tradizione, dalla pasta di grano Senatore Cappelli al riso Vialone nano, senza dimenticare l’innovazione con la tagliata 100% italiana servita nelle bracerie e pizza, panzerotti e focaccia autenticamente tricolori, dalla farina all’olio, dal pomodoro alla mozzarella ma anche lo street food green, dal pesce al galletto fino al gelato di latte d’asina ed i dolci, dalla popizza alla pitta ‘mpigliata”.

“L’appuntamento consentirà di vivere un’esperienza unica nell’autentica campagna italiana con la presentazione di indagini, ricerche ed esposizioni in anteprima assoluta e qualificati interventi nazionali ed internazionali – si legge ancora nel comunicato -. La manifestazione sarà anche un’occasione unica per scoprire la Fattoria italiana, dalla mucca frisona alla podolica, dai teneri asini di Martina Franca, dal cavallo murgese alla pecora ‘gentile’ patrimonio della biodiversità a rischio di estinzione, dalla pregiata capra garganica al suino apulo calabrese, fino ai conigli nani e colorati e ancora oche, galline, tacchini, pavoni che animano la campagna”.

Il villaggio contadino prevede anche l’agriasilo: uno spazio che accoglierà famiglie e gite scolastiche con laboratori, percorsi sensoriali, prove del gusto attraverso l’incontro con il mondo animale e vegetale. In più, lo spazio dell’economia domestica e dell’agricosmetica con i frutti della terra ma anche i trattori storici e quelli dell’ultima generazione, gli antichi mestieri dei nonni e il villaggio delle idee con i giovani che discuteranno sul tema cibo e immigrazione in collaborazione con l’Università di Pollenzo e gli studenti dell’Istituto Alberghiero Perotti di Bari che animeranno l’intera area in cui sono previste le presenze di esponenti Istituzionali, rappresentanti della società civile, studiosi, sportivi e artisti.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.