Home Attualità Alternanza scuola-lavoro in chiave europea, il progetto ITSxBosch riceve la certificazione d’eccellenza

Alternanza scuola-lavoro in chiave europea, il progetto ITSxBosch riceve la certificazione d’eccellenza

L’alternanza scuola-lavoro continua nello stabilimento Bosch di Bari. Ispirandosi al modello duale tedesco e all’integrazione tra formazione e occupazione giovanile prende vita la quarta edizione del progetto ITSxBosch. Sviluppato in collaborazione con l’ITS “Antonio Cuccovillo” di Bari, ha ricevuto una nuova certificazione di eccellenza nello svolgimento dello stesso progetto, il “Certificato Dual”, rilasciato dalla Deutsch-Italienische Handelskammer (Camera di Commercio Italo-Germanica) che evidenzia e conferma l’elevato standard del progetto e ne amplia la validità a livello Europeo, conferendogli il più alto livello di certificazione, il “SYSTEM”

 

. Dalla nascita del progetto, già 40 ragazzi sono stati formati attraverso un percorso in modalità duale “allenandosi” per un anno intero presso l’Officina/Laboratorio realizzata all’interno dello stabilimento Bosch Bari completamente dedicata agli studenti. “Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti con il progetto ITSxBosch – ha sottolineato Francesco Basile, Direttore Risorse Umane Bosch Bari – Il 95% degli studenti formati ad oggi sono stati immediatamente assorbiti dal mercato del lavoro del nostro territorio. Il nostro modello è vincente perché consente l’integrazione tra mondo scolastico e mondo aziendale”.

 

“Il nostro motto – ha concluso Basile – è Imparo lavorando … lavorando realizzo’ perché nella nostra scuola i ragazzi apprendono la teoria e mettono subito in pratica tali conoscenze, realizzando e trasformando le conoscenze in competenze. Siamo certi che tali competenze – ora riconosciute anche a livello internazionale – saranno il vantaggio competitivo che consentiranno ai nostri studenti di potersi proporre con successo anche nel mercato Europeo”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo