Home Attualità Da bullizzata a testimonial del lido Samsara, 18enne in sovrappeso ‘salvata’ grazie...

Da bullizzata a testimonial del lido Samsara, 18enne in sovrappeso ‘salvata’ grazie allo stabilimento

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

“Questo lido è riuscito a salvare mia figlia, le ha restituito il sorriso e il coraggio di riprendere la sua vita tra le mani, le ha insegnato a volgere a suo favore ogni evento, a considerare ogni aspetto positivo anche dal peggio”. È l’insolito ringraziamento pubblico che un’insegnante di Barletta, Francesca, ha rivolto per iscritto ai titolari di uno degli stabilimenti balneari più noti e frequentati di Gallipoli, centro della vita notturna delle estati salentine.

 

Nella lettera, Francesca racconta la storia della figlia, che ha quasi 18 anni, e dalla scuola elementare è stata bullizzata perché in sovrappeso. Da una condizione di isolamento, di frustrazione e di silenzio, Francesca spiega che la frequentazione quotidiana del lido, l’atteggiamento degli organizzatori, e di coloro che vi lavorano, ha portato a poco a poco la figlia ad accettarsi, a smettere di sentirsi lei sbagliata subendo quindi gli atti di bullismo come una “punizione meritata”.

 

Ora la ragazza è praticamente diventata una testimonial della spiaggia, un luogo che in genere si pubblicizza mettendo in vetrina corpi perfetti e palestrati, indossa la maglietta col logo, e partecipa a tutte le iniziative della spiaggia. La mamma, che inizialmente l’accompagnava sempre in preda all’apprensione, ora è sollevata per l’efficacia di questa ‘terapia d’urto’ e ha voluto ringraziare gli organizzatori del lido con la lettera che è stata pubblicata sulla pagina Facebook dello stabilimento ‘Samsara’.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui