/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Da bullizzata a testimonial del lido Samsara, 18enne in sovrappeso 'salvata' grazie allo stabilimento

Da bullizzata a testimonial del lido Samsara, 18enne in sovrappeso 'salvata' grazie allo stabilimento

“Questo lido è riuscito a salvare mia figlia, le ha restituito il sorriso e il coraggio di riprendere la sua vita tra le mani, le ha insegnato a volgere a suo favore ogni evento, a considerare ogni aspetto positivo anche dal peggio”. È l'insolito ringraziamento pubblico che un'insegnante di Barletta, Francesca, ha rivolto per iscritto ai titolari di uno degli stabilimenti balneari più noti e frequentati di Gallipoli, centro della vita notturna delle estati salentine.

 

Nella lettera, Francesca racconta la storia della figlia, che ha quasi 18 anni, e dalla scuola elementare è stata bullizzata perché in sovrappeso. Da una condizione di isolamento, di frustrazione e di silenzio, Francesca spiega che la frequentazione quotidiana del lido, l'atteggiamento degli organizzatori, e di coloro che vi lavorano, ha portato a poco a poco la figlia ad accettarsi, a smettere di sentirsi lei sbagliata subendo quindi gli atti di bullismo come una "punizione meritata".

 

Ora la ragazza è praticamente diventata una testimonial della spiaggia, un luogo che in genere si pubblicizza mettendo in vetrina corpi perfetti e palestrati, indossa la maglietta col logo, e partecipa a tutte le iniziative della spiaggia. La mamma, che inizialmente l'accompagnava sempre in preda all'apprensione, ora è sollevata per l'efficacia di questa 'terapia d'urto' e ha voluto ringraziare gli organizzatori del lido con la lettera che è stata pubblicata sulla pagina Facebook dello stabilimento 'Samsara'.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.