Home Attualità Corteo storico San Nicola, Pino Insegno sarà la voce del Patrono di...

Corteo storico San Nicola, Pino Insegno sarà la voce del Patrono di Bari – Il video saluto dell’attore

È stata presentata questa mattina in conferenza stampa l’edizione 2018 del Corteo Storico di San Nicola, promossa dall’amministrazione comunale e realizzata dalla Doc Servizi vincitrice del bando biennale 2018-19, con la direzione artistica di Elisa Barucchieri. Saranno il mare, l’archetipo del Nuovo Uomo e il ponte nicolaiano tra Oriente e Occidente i cardini del progetto artistico del Corteo di quest’anno. La voce del Santo sarò quella dell’attore Pino Insegno, così come comunicato sulla pagina Facebook del Corteo Storico di San Nicola. 

 

Un articolato progetto che avrà un prologo nella giornata del 6 maggio, dedicata alla rievocazione dello sbarco delle reliquie, seguito dal corteo del 7 maggio. Le prime parole della direttrice artistica, Elisa Barucchieri, sono state per le quattro vittime dell’incidente d’auto in cui, andando a Bari per il corteo dell’anno scorso, persero la vita Emanuele Fasciano, Antonio Lorusso, Maria Visitato e Michele Tattolo. “A loro, come al compianto comandante dei Vigili urbani Nicola Marzulli – ha esordito con voce emozionata – sarà dedicato il corteo di quest’anno”.

 

Di cui ha poi spiegato il progetto, frutto di ricerche improntate a miracoli, leggende e storiografia del Santo: “La messa in scena è il tentativo di rendere l’attualità della sua figura, in grado di muovere da sempre pellegrini da mezzo mondo, attraverso tre assi portanti. Intanto il tema principale, evocato dal titolo della manifestazione: ‘San Nicola vien dal mare’. Se l’anno scorso elemento cardine fu l’aria, quest’anno sarà dunque l’acqua. La sua presenza sarà una costante di questa edizione. Si troverà nel corteo, ai lati della caravella, come allestimento in uno dei quadri, nelle immagini delle proiezioni e sarà fisicamente presente nello spettacolo in piazza Libertà”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo