/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Cattolica, sorpreso a fumare uno spinello viene portato in caserma: il padre lo schiaffeggia e viene denunciato

Cattolica, sorpreso a fumare uno spinello viene portato in caserma e poi schiaffeggiato dal padre a sua volta denunciato
Cattolica, sorpreso a fumare uno spinello viene portato in caserma: il padre lo schiaffeggia e viene denunciato

Il figlio denunciato per uno spinello e il padre per uno schiaffo conseguenza dello stesso spinello. E' accaduto ieri a Cattolica, in Emilia Romagna. Una storia singolare. Un 15enne viene beccato dai Carabinieri a fumarsi uno spinello e trasportato successivamente in caserma per i relativi accertamenti. In questo caso, il semplice consumo di sostanze stupefacenti da parte di un minorenne prevede una semplice segnalazione all'autorità amministrativa. Prassi vuole però che venga convocato in caserma anche il padre del minore.

Vuoi per la rabbia dell'accaduto, vuoi perchè anche l'altro figlio (ora maggiorenne) ha avuto "certi trascorsi", il padre molla un ceffone al figlio davanti a tutti e scatta subito la denuncia per "abuso di metodi di correzione" secondo l'articolo 571 del codice penale (pena massima prevista sei mesi).

Secondo l'avvocato, il padre ha solo cercato di correggere il comportamento del figlio, portandolo sulla buona strada, considerando i i problemi avuti con il figlio maggiore. La Cassazione in passato aveva stabilito che un ceffone dato a un figlio non è reato se non c’è l’esplicita volontà di provocare danni fisici.

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.