/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Palagiustizia, dalle infiltrazioni alla pioggia battente: a rischio i fascicoli del palazzo di via Nazariantz - VIDEO


Palagiustizia, dalle infiltrazioni alla pioggia battente: a rischio i fascicoli del palazzo di via Nazariantz - VIDEO

I fascicoli del palazzo di via Nazariantz, dichiarato inagibile, dovrebbero essere trasferiti per motivi di sicurezza al piano interrato che, tuttavia, a causa del nubifragio che si è abbattuta sulla città, oggi si è completamente allagato passando dalle infiltrazioni di questa mattina alla pioggia battente caduta proprio negli ambienti del palazzo intorno all’ora di pranzo. Già alcuni anni fa e, di nuovo, da quando il Comune di Bari ha ordinato lo sgombero del Palagiustizia ed è stata allestita una tendopoli per celebrare le udienze, i vertici degli uffici giudiziari hanno chiesto al Ministero di estendere il contratto di sublocazione dell'immobile di Rutigliano che dal 2015 accoglie l'archivio del Tribunale, ma che ormai è saturo.

A quanto si apprende, ad oggi il Ministero non ha risposto alla richiesta di prendere in locazione gli altri spazi attualmente disponibili del deposito di Rutigliano. Si rende tuttavia urgente trovare un luogo dove spostare gli archivi e tutti gli arredi pesanti attualmente custodite nei piani superiori del palazzo di via Nazariantz, che devono al più presto essere alleggeriti, come stabilito dal consulente della Procura di Bari che ha depositato di recente una relazione nell'ambito di un'indagine penale sul rischio crollo, e come disposto dal provvedimento di inagibilità del Comune.

Si tratta in gran parte di fascicoli relativi a indagini e processi ancora in corso che, se spostati al piano interrato, rischierebbero di essere danneggiati dalle conseguenze del maltempo. Un rischio certificato dalle immagini che vi proponiamo nel video.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.