/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Giovanni XXIII, si dimette il sub commissario Del Vecchio: "Nessuna polemica". Per Conca (M5S) "situazione drammatica"

Giovanni XXIII, si dimette il sub commissario Del Vecchio: "Nessuna polemica". Per Conca (M5S) "situazione drammatica"

È durato appena 8 mesi il periodo di Antonello Del Vecchio alla guida del Giovanni XXIII. Il medico, già primario dell’Utin del Di Venere, ha presentato a Emiliano le sue dimissioni dal ruolo di sub commissario che gli era stato dato solo lo scorso ottobre. “Ho solo terminato il mio lavoro. Non c’è nessuna polemica – chiarisce il diretto interessato – Era doveroso lasciare spazio a chi con nuove competenze porterà avanti questo progetto”.

 

Il riferimento è chiaramente allo scorporo dell’Ospedale Pediatrico dal Policlinico, considerato che ad oggi la struttura dipende completamente dall’Azienda Consorziale e non ha una sua autonomia amministrativa. “Non ho governato, ho solo lavorato con i tecnici per pianificare il futuro”, conclude Del Vecchio ricordando il lavoro svolto con la Bocconi per una nuova organizzazione medica dell’ex Ospedaletto. Una nuova fisionomia che sarà sicuramente lontana dal mondo universitario accademico barese.

 

Secondo il cronoprogramma fissato dalla Regione questa operazione dovrebbe divenire effettiva il 1 gennaio 2019. A quel punto potrebbe essere nominato un vero e proprio Direttore generale con pieni poteri per il Giovanni XXIII, attingendo dalla lista nazionale come previsto dalla nuova normativa. Sicuramente non sarà Del Vecchio, che per l’appunto non possiede questi requisiti. Nel frattempo, però, si individuerà un nuovo sub commissario che, a detta del Direttore del Dipartimento della Salute Giancarlo Ruscitti, “dovrà avere delle spiccate attitudini amministrative” solo per la fase di separazione. Probabile che già da metà luglio questa persona affianchi il nuovo Direttore Generale del Policlinico che prenderà il posto dello stesso Ruscitti oggi anche commissario dell’Azenda Consorziale. Intanto però restano le gravi criticità della struttura.

 

Preoccupa in particolare l’avvicinarsi del periodo estivo, quando l’esiguo numero di medici e infermieri metterà in ginocchio Pronto Soccorso e reparti. Colpa certamente di una carenza di personale che affligge non solo il pediatrico. Di questo si è discusso a Roma in Conferenza delle Regioni. Presenti gli Assessori di tutta Italia ma non Emiliano che, come ricordiamo, ha mantenuto per sé la delega alla Sanità. Al suo posto c’era Ruscitti. Il neo Ministro della Salute Giulia Grillo potrebbe chiedere delle deroghe al Mef per consentire nuove assunzioni in sanità. Intanto il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Mario Conca ha chiesto per il Giovanni XXIII proprio l’invio degli Ispettori Ministeriali. “Si vuole partecipare al Gran Premio dei poli pediatrici per sentirsi all’altezza del Gaslini, del Mayer e del Bambino Gesù – ha affermato – ma oltre a non avere una vettura competitiva qui sembra non ci siano neanche l’officina e il team per un pit-stop”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.