/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, cani-bagnino protagonisti sulla spiaggia di Pane e Pomodoro: Maya e Texas mettono a segno due salvataggi

Bari, cani-bagnino protagonisti sulla spiaggia di Pane e Pomodoro: Maya e Texas mettono a segno due salvataggi

“Cercate sempre di rispettare il mare. Lui è il nostro più grande amico ma improvvisamente può trasformarsi nel nostro peggior nemico”. Il racconto di Donato Castellano, presidente dell’associazione di volontariato ‘Scuola Cani Salvataggio Nautico’, si chiude così. L’associazione, per il sesto anno consecutivo, ha sottoscritto un accordo con l’amministrazione comunale e nel corso di ogni weekend, grazie al prezioso impegno di alcuni volontari, sorveglia gratuitamente la spiaggia barese di Pane e Pomodoro.

La storia, fortunatamente, ha un lieto fine ma il pomeriggio di ieri, per i cani-bagnino ‘in servizio’ sulla spiaggia, è stato davvero intenso. “Andiamo con ordine – inizia Castellano in un post pubblicato su Facebook -. Già alle 14 i bagnini comunali, hanno portato in salvo due bagnanti rumeni che avevano abbondantemente alzato il gomito. Nel pomeriggio, invece, le unità cinofile operative dell'associazione hanno effettuato due salvataggi: uno verso le 17.45 e l'altro verso le 18.30”.

“Come dico sempre: meglio perdere un pallone, che perdere la vita per un pallone – continua Castellano -. Ed è quello che ho detto anche ad un ragazzo che ieri aveva perso totalmente le forze proprio per nuotare dietro a un pallone. Lo ha tratto in salvo Gianmarco D'Amico con Texas, un golden retriever, ed il supporto di Marco Di Sapia. L'altro salvataggio, invece, ha visto coinvolta una nuova unità cinofila: Federica Cezza con la sua Maya, entrambe brevettate il 25 aprile al cospetto di una commissione esaminatrice arrivata a Bari da Milano e Genova. Hanno salvato dall'annegamento un bambino di circa 10 anni che all'altezza dei frangiflutti ha iniziato a bere acqua e ad annaspare. Federica e Maya sono partite subito: Federica ha messo in sicurezza il piccolo, Maya lo ha trainato a riva, dove ha guadagnato complimenti e ringraziamenti della mamma del bimbo”.

“Questi siamo noi – conclude Castellano -. Volontari dal grande cuore che ogni fine settimana, fino a metà settembre, saranno al servizio dei bagnanti”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.