Home Attualità Palagiustizia Bari, i penalisti contro il Ministero: “Scelta sconsiderata trasferimento a Modugno”

Palagiustizia Bari, i penalisti contro il Ministero: “Scelta sconsiderata trasferimento a Modugno”

La Camera penale di Bari parla di “scelte sconsiderate del Ministero della Giustizia che, in data odierna, ha comunicato ufficialmente l’esecutività del trasferimento temporaneo presso il sito di Modugno”. Lo dichiara in una nota il presidente dei penalisti baresi, Gaetano Sassanelli, commentando l’esito della riunione che si è tenuta questa mattina presso la sede del Ministero della Giustizia a Roma sull’edilizia giudiziaria barese.

 

“La assicurata temporaneità del trasferimento in Modugno, nell’attesa della predisposizione dell’immobile scelto con i tempi lunghi della procedura ordinaria – continua Sassanelli – imporrà il danno del doppio trasloco (con il conseguente raddoppio dei costi a carico dei contribuenti), oltre che un ulteriore periodo, se non di inattività, quanto meno di gravissima sofferenza nell’amministrazione della giustizia penale, per l’insufficienza degli spazi a disposizione”.

 

A quanto si apprende, infatti, a Modugno sarà trasferito parte del Tribunale, mentre la Procura traslocherà in via Brigata Regina, dove c’è posto per soli 10 magistrati e per 52 cancellieri su 104, che dovranno lavorare quindi su due turni dalle 7.30 alle 21.27, mentre non si sa ancora dove saranno trasferiti archivio e mobilio. “Quel che preoccupa maggiormente e che ci porterà necessariamente ad alzare notevolmente i toni della protesta, a tutela dell’intera comunità barese, – dice ancora Sassanelli – è il radicamento del ministero sulle proprie erronee posizioni, a cominciare dalla scelta dell’immobile di via Oberdan quale aggiudicatario della indagine di mercato, nonostante i gravissimi problemi” legati a parcheggio, traffico e salute pubblica, per la vicinanza ad “un terreno attiguo sotto sequestro perché non bonificato dalle particelle di amianto esistenti”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo