/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Palagiustizia Bari, caos trasloco: personale trasferito al lavoro in ex sezione distaccata di Modugno

Palagiustizia Bari, caos trasloco: personale trasferito al lavoro in ex sezione distaccata di Modugno

Da oggi sono in servizio nell'ex sezione distaccata di Modugno cancellieri e giudici del Tribunale penale di Bari, dopo aver lasciato definitivamente - tranne esigenze di trasloco - il Palagiustizia di via Nazariantz, dichiarato inagibile per rischio crollo.

È atteso l'arrivo del bus della Polizia penitenziaria che da oggi accompagnerà il personale da Bari a Modugno. Sono 53 i cancellieri che dovranno lavorare nella sede di Modugno, oltre a 15 giudici, alcuni dei quali, però, fino al 30 settembre allocati provvisoriamente ancora in piazza De Nicola, dove si stanno svolgendo le udienze urgenti con detenuti.

"Tra tante difficoltà il personale sta rispondendo in maniera egregia”, dice il dirigente amministrativo del Tribunale, Carlo Livio Dello Russo, spiegando che "per il momento in questa sede i cancellieri saranno impegnati a sistemare gli armadi e i fascicoli che sono stati trasferiti da via Nazariantz".

A Modugno sono state ricavate sette aule di udienza e nove uffici per i giudici del Tribunale Monocratico e delle due sezioni collegiali. La sede, però, non sarà aperta al pubblico prima di ottobre. Una situazione ancora più confusa riguarda la Procura, i cui cancellieri sono stati trasferiti nel palazzo di via Brigata Regina, mentre i magistrati per il momento restano in via Nazariantz, non avendo riposto all'invito del Ministero di lasciare l'immobile inagibile per carenza di spazi nella nuova sede.

La situazione di emergenza dell'edilizia giudiziaria barese va avanti da maggio, quando una perizia tecnica ha rilevato gravi criticità strutturali. Quindi il Comune ha revocato l'agibilità, concedendo 90 giorni per sgomberare. Per circa un mese le udienze di rinvio si sono celebrate in una tendopoli allestita nel cortile del palazzo di via Nazariantz, fino al decreto legge che ha sospeso i processi fino al 30 settembre. Intanto il Ministero ha avviato una ricerca di mercato per individuare una struttura in grado di accogliere tutti gli uffici penali, mentre si è ancora in attesa della aggiudicazione. Come sedi provvisorie sono state quindi individuate l'ex Tribunale di Modugno e un palazzo in via Brigata Regina, insufficienti però ad accogliere tutti. Per questo motivo il personale della Procura lavorerà a turnazione fino a tarda ora.

Per consentire di ultimare il trasloco e dare ai pm ancora una sede dove lavorare, il Comune ha concesso una proroga di quattro mesi per lo sgombero totale del palazzo di via Nazariantz, anche alla luce di una nuova perizia che rassicura sul rischio crollo, ritenendolo attenuato, grazie all'alleggerimento dei carichi pesanti dai piani superiori.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.