Home Attualità Bari, chiude campo di accoglienza per senza fissa dimora in via Maratona....

Bari, chiude campo di accoglienza per senza fissa dimora in via Maratona. CRI: “Terminata convenzione con il Comune”

“Dopo una decade di attività incessante, ci troviamo a comunicare che, pur avendo manifestato nelle sedi opportune la volontà di proseguimento dell’opera svolta, il prossimo 30 settembre il campo di accoglienza di via di Maratona cesserà la sua attività a causa della fine della convenzione con il Comune di Bari che permetteva di sostenere le spese di ordinaria gestione della struttura”. Così, in una nota, il comitato barese della Croce Rossa Italiana.

“Più volte la nuova dirigenza della CRI Bari, al fine di migliorare e rinnovare la struttura, ha richiesto invano alle strutture comunali di variare la convenzione in essere – si legge ancora nel comunicato -. Nata da una situazione emergenziale nell’inverno del 2008, la struttura è diventata presto un punto di riferimento per i senza dimora della città: 82 posti letto che nei momenti di emergenza freddo superavano i 100 grazie all’utilizzo di strutture CRI di emergenza. Il ringraziamento maggiore va ai dipendenti e ai volontari che in questi anni hanno lavorato per rendere più confortevole la permanenza degli ospiti nella struttura, con l’augurio che i primi riescano a trovare quanto prima una nuova occupazione. Altresì l’augurio è che gli attuali 82 ospiti trovino al più presto una soluzione alternativa, anche in vista della stagione fredda in arrivo”.

“Ci rammarichiamo del fatto che un pezzo di storia della città e dell’aiuto in campo umanitario come la CRI venga esclusa dalla tutela dei più vulnerabili senza aver avuto nessuna concreta opportunità di collaborazione riconoscendo le sue peculiarità attribuite dalla legge – conclude la nota -. In ogni caso, il tema verrà portato all’attenzione degli uffici competenti dopo l’assemblea dei volontari e il consiglio direttivo”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo