Home Attualità Ricerca, Università degli Studi di Bari capofila del progetto “Nucif” con il...

Ricerca, Università degli Studi di Bari capofila del progetto “Nucif” con il Sud America

nucif

Il trasferimento delle buone pratiche tra Europa e America Latina passa dall’Italia e dalla Puglia con il progetto Nucif, coordinato dall’Università ‘Aldo Moro’ di Bari. Il progetto, che ha una durata di 24 mesi e coinvolge partner sudamericani tra Paraguay, Argentina, Bolivia e Cile, è stato presentato oggi nella sala del Consiglio dell’Ateneo barese, alla presenza del rettore Antonio Uricchio.

“Il progetto di cooperazione internazionale è stato finanziato – ha spiegato Uricchio – con 1 milione di euro finanziato dall’Unione europea, coinvolge 12 atenei, quattro europei con Bari capofila e otto sudamericani. Siamo particolarmente felici di poter avviare questa attività che riguarda temi, come la sostenibilità, l’economia circolare, l’agricoltura ed il riuso, la mobilità sostenibile e lo sviluppo economico, su cui ci sentiamo particolarmente vocati”.

“Nucif consente anche – ha aggiunto Uricchio – di aggregare istituzioni universitarie operanti in diversi Paesi accomunati da una percezione, da un sentire comune, e prevede in concreto attività di scambio e confronto con la creazione in Sud America, nei quattro Paesi coinvolti, di laboratori di competenze. Centri che potranno avviare – ha sostenuto Uricchio – esperienze dirette e concrete, realizzando interenti che spaziano da un impianto pilota per il riuso delle acque a percorsi di turismo sostenibile nei paesi andini tra Cile, Argentina e Bolivia, oltre a parte del Paraguay”.

Il Network tra università per la conoscenza e l’integrazione delle frontiere (Nucif) ha tra i principali protagonisti oltre 70 ricercatori e circa 30 tecnici amministrativi.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo