Home Attualità Oncologico, muore dopo aver combattuto un tumore: famiglia di Irene dona ‘casco’...

Oncologico, muore dopo aver combattuto un tumore: famiglia di Irene dona ‘casco’ che salva i capelli dalla chemio

Una festa nel reparto ‘Don Tonino Bello’ dell’Oncologico di Bari in occasione del compleanno di Irene Dell’Olio, giovane donna morta a 40 anni dopo aver a lungo combattuto con un tumore. Il 25 ottobre, nel reparto diretto dal dottor Geny Palmiotti, la famiglia di Irene, attraverso una raccolta fondi, donerà un DigniCap: il caschetto anti caduta capelli durante la chemio.

Irene – così viene descritta da chi la conosceva – era una mamma, dolce, forte, solare, combattiva: ecco perché la cerimonia di consegna del caschetto sarà suggellata da una grande festa alla quale prenderanno parte la mamma della giovane donna e la sorella Antonella. A rendere omaggio a Irene sarà il Coro Gabriel, formazione dell’Associazione Gabriel, onlus per l’umanizzazione delle cure in oncologia che ha organizzato l’evento.

Il Coro Gabriel, formato da pazienti oncologiche, infermiere e volontarie, con la direzione della maestra Lucia Greco e i suoi solisti professionisti, Alessandra Alemanno e Davide Trotti, festeggerà il compleanno di Irene con brani tratti dal suo ultimo CD. La voce recitante di Celeste Francavilla farà da file rouge alla mattinata, un inno alla vita perché, come diceva Irene anche quando ormai le forze la stavano abbandonando: “la vita è un dono grande. La vita è bella, nonostante tutto”.

L’iniziativa si terrà giovedì 25 ottobre alle ore 10 nella hall del reparto dove sarà apposta una targa in ricordo di Irene. “È questo il secondo macchinario per i caschetti anti caduta del quale, grazie alla generosità della famiglia Dell’Olio, sarà dotato il reparto – sottolinea Palmiotti -. Il primo, donato dalla Fondazione Tiziana Semeraro oltre un anno fa, era diventato insufficiente per soddisfare le esigenze delle pazienti. Così, attraverso il sorriso di altre donne che conserveranno i capelli durante i trattamenti di chemioterapia, Irene continuerà a vivere quella vita che amava tanto”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo