Home Attualità Sanità, precari della Asl Bari unici in Puglia senza proroga del contratto:...

Sanità, precari della Asl Bari unici in Puglia senza proroga del contratto: “Incomprensibile disparità di trattamento”

“Questo sindacato, facendo seguito alle diverse note già inviate e alle numerose sollecitazioni del personale a tempo determinato in servizio presso la ASL Bari avente il contratto in scadenza al 31 ottobre, ribadisce la richiesta di procedere con urgenza alla proroga fino al 31 dicembre dei predetti contratti a tempo determinato, come già fatto peraltro da tutte le altre aziende sanitarie pugliesi: dal Policlinico alla Asl di Lecce, ad esempio, arrivando fino alla Asl Bat”. Così, i segretari provinciali della FP CGIL in una lettera inviata nelle ultime ore al direttore generale della Asl Bari, Antonio Sanguedolce.

Nella giornata di ieri la Asl Bat ha deciso di prorogare al 31 dicembre i contratti degli infermieri a tempo determinato in scadenza domani: una decisione giunta dopo che la Regione Puglia ha valutato positivamente la richiesta inviata dal direttore generale Alessandro Delle Donne mirata a salvaguardare i livelli di assistenza sul territorio e che, come conseguenza, porterà nelle tasche dei lavoratori una speranza di stabilizzazione e di assunzione a tempo indeterminato secondo le procedure imposte con le graduatorie Asl.

Di fatto quindi, in questo scenario, gli unici a restar fuori dalla procedura di stabilizzazione sarebbero gli infermieri, i tecnici di radiologia e i tecnici di laboratori della Asl di Bari: quasi 270 persone, delle 330 che la settimana scorsa avevano ‘marciato su Roma’ per interfacciarsi con il Ministero della Salute, che ad oggi sarebbero costrette ad andare a casa. “Anche noi avevamo chiesto la proroga fino al 31 dicembre ma non siamo stati ascoltati – denunciano –. Non capiamo questa disparità di trattamento. Quella di Bari sarà l’unica Asl in tutta la Puglia a non uniformarsi e a mandare a casa centinaia di persone”.

In mancanza di un riscontro immediato, annunciano dal sindacato, il prossimo 6 novembre verrà organizzato un sit-in di protesta sotto la sede dell’ex CTO.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

1 commento

  1. Ancoraaa…il contratto è scaduto…e al vostro posto sono stati assunti degli aventi diritto, idonei e vincitori di concorso. Cosa che questi infermieri che vanno a casa non lo sono. Un bagno di umiltà, impegnatevi per il prossimo concorso, rimboccatevi le maniche invece di cercare di vincere facile.

Dì la tua! Commenta l'articolo