Home Attualità Modugno, visita all’interno del cantiere FAL. Il presidente Almiento: “Abbiamo già realizzato...

Modugno, visita all’interno del cantiere FAL. Il presidente Almiento: “Abbiamo già realizzato il 60% dell’opera” – FOTO

Il presidente delle Ferrovie Appulo Lucane, Rosario Almiento, il direttore generale, Matteo Colamussi e l’assessore regionale ai Trasporti, Gianni Giannini, si sono ritrovati questa mattina all’interno del cantiere di Modugno per illustrare l’avanzamento dei lavori di interramento delle linea ferroviaria e della stazione Fal.

L’elenco delle caratteristiche tecniche del cantiere rendono l’idea dei lavori che si stanno svolgendo: interramento della stazione di Modugno e di 1.9 chilometri di tratta ferroviaria Fal (sulla linea Bari – Matera), costruzione di 3 gallerie per una lunghezza di oltre 500 metri ad una profondità di circa 5 metri, eliminazione di 2 passaggi a livello in area urbana e spostamento delle condotte idriche e fognarie. Il tutto, senza alcuna interruzione della circolazione ferroviaria, per un investimento totale di 13,6 milioni di euro. La data di fine lavori è previsto per giugno 2019.

“Si tratta del cantiere più importante tra quelli che Fal ha in atto verso Matera 2019 – spiega il presidente Almiento – ed abbiamo già realizzato il 60% dell’opera. È un intervento che, una volta terminato, consentirà di decongestionare il traffico urbano grazie all’abolizione di due passaggi a livello, di ridurre sensibilmente l’impatto ambientale, di migliorare la velocità e la sicurezza del servizio ferroviario e, quindi, contribuirà sensibilmente al raggiungimento del nostro obiettivo, ossia abbattere i tempi di percorrenza tra Bari e Matera ad un’ora entro il 2019”.

“Non è mia abitudine visitare i cantieri in corso d’opera – dice l’assessore Giannini – ma questo ha un importanza particolare. In continuità con questa opera, nell’ottica di realizzare un effetto metropolitana, seguiranno il raddoppio delle tratte Modugno- Palo, Palo-Grumo e Grumo-Toritto: interventi che consentiranno di andare sempre più verso un sistema di mobilità sostenibile con la riduzione del mezzo privato e l’incentivo dell’uso del mezzo pubblico”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo