Home Attualità Bari, l’occhio della Marina diventa infallibile: inaugurata sala operativa della Stazione Satellitare...

Bari, l’occhio della Marina diventa infallibile: inaugurata sala operativa della Stazione Satellitare Cospas-Sarsat

L’obiettivo è quello di fornire rapidamente dati di localizzazione dei vettori e persone in pericolo alle squadre impegnate in operazioni SAR (ricerca e soccorso)

{loadposition debug}
Inaugurata questa mattina la nuova sala operativa della Stazione Satellitare Cospas-Sarsat della Direzione Marittima di Bari. Alla cerimonia ha partecipato anche Lino Banfi, ambasciatore italiano dell’Unicef.  Il Cospas-Sarsat è un sistema satellitare internazionale il cui scopo è quello di fornire rapidamente dati di localizzazione dei vettori e persone in pericolo alle squadre impegnate in operazioni SAR (ricerca e soccorso). Il Sistema usufruisce di appositi satelliti di tecnologia statunitense e russa posti in orbita a tale scopo a partire dagli inizi degli anni 80; l’Italia ha aderito all’organizzazione internazionale Cospas-Sarsat assumendo il compito di fornire, attraverso la Stazione Satellitare di Bari, i segnali di pericolo aerei, navali e terrestri provenienti dai satelliti. Il centro Cospas-Sarsat, per accordi internazionali assolve alla copertura oltre dell’area italiana, anche di quella dell’Europa centro-orientale, di parte dell’Asia medio-orientale ed il corno d’Africa. La Stazione italiana, sotto la dipendenza funzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, ubicata presso la Direzione Marittima di Bari, a partire dal mese di settembre 2016 ha integrato le proprie strutture tecnologiche già esistenti con un nuovo sistema di ricezione allo scopo di utilizzare i satelliti di tecnologia europea denominati “GALILEO”. Tale sistema, che ha comportato la recente rimodulazione della struttura operativa del centro, consente una maggiore “performance” nell’accuratezza della ricezione dei messaggi di allerta, azzerando quasi i margini di errore e riducendo i tempi di attivazione che risultano coincidenti con la richiesta di soccorso. 

{facebookpopup}

 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo