/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, sequestro convogli Trenitalia. Protesta degli studenti: "In Puglia gli scarti delle ferrovie settentrionali"

Bari, sequestro convogli Trenitalia. Protesta degli studenti: "In Puglia gli scarti delle ferrovie settentrionali"

A lanciare l'accusa la "Rete della Conoscenza Puglia": prevista manifestazione giovedì 17 novembre

Gli otto treni sequestrati dalla Procura di Bari a Trenitalia perché ritenuti non a norma dal punto di vista igienico sono stati rimpiazzati con convogli degli anni settanta. A lanciare l'accusa è la "Rete della Conoscenza Puglia".

Nel comunicato dell'associazione - che include l'Unione degli studenti e Link-Coordinamento Universitario, mettendo insieme studenti di varie fasce - si legge che "i pendolari da oggi viaggeranno su mezzi sostitutivi inviati dalle direzioni regionali di Ancona, Pescara e Bologna, composti da vecchie carrozze. Trenitalia, dunque, per rimpiazzare i treni sequestrati sceglie di inviare gli scarti delle ferrovie settentrionali. Chiediamo immediatamente una presa di posizione e un intervento delle Istituzioni regionali".

Gli studenti e le studentesse hanno invaso le stazioni, le fermate e i luoghi della formazione con uno striscione nella stazione centrale, volantinaggi e diverse azioni per evidenziare i disagi e i disservizi che quotidianamente subiscono in materia di trasporti. A tal proposito, giovedì 17 novembre si terrà una manifestazione nelle piazze di tutta la regione.

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.