Home Attualità Bari, al Politecnico protesta con ‘funerale’: flash mob organizzato da ricercatori e...

Bari, al Politecnico protesta con ‘funerale’: flash mob organizzato da ricercatori e dottorandi. “Servono più fondi”

Saranno celebrati anche a Bari, nella giornata di domani e nei pressi dell’atrio coperto del Politecnico ‘Campus Ernesto Quagliariello’, i ‘funerali’ dell’Istruzione e della Ricerca pubblica: la manifestazione di protesta promossa da dottorandi, assegnisti di ricerca, borsisti, collaboratori a progetto, ricercatori a tempo determinato che chiedono un piano straordinario di assunzioni e una riforma del pre-ruolo che consentano almeno di recuperare nei prossimi quattro anni i circa 20mila posti di ricercatori e docenti strutturati persi dal sistema nazionale universitario negli ultimi 10 anni.

“I ricercatori precari rappresentano oggi la maggioranza del personale che permette il ‘normale’ funzionamento delle università – si legge in una nota -. Investire sul nostro futuro significa investire sul futuro del Paese”. Nella giornata di domani, in diversi atenei, si terranno forme simboliche di protesta, flash mob, lezioni in piazza, assemblee permanenti, in previsione di una manifestazione nazionale che si terrà il prossimo 14 dicembre.

“Facciamo appello a tutta la comunità accademica barese a mobilitarsi giovedì 6 dicembre, partecipando ai ‘funerali’ dell’Università Pubblica, destinata a morire per colpa di una legge di Bilancio che prevede ancora una volta risorse risibili – si legge ancora nella nota, auspicando che – nella manovra 2019 si torni ad investire in Università e Ricerca come non hanno mai smesso di fare i Paesi europei che hanno, anche per questo, subito meno la crisi economica”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo