Home Attualità Xylella, danni da gelate e PSR in forte ritardo: gli agricoltori si...

Xylella, danni da gelate e PSR in forte ritardo: gli agricoltori si mobilitano. La protesta dei ‘gilet arancioni’

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Prosegue la mobilitazione del mondo agricolo pugliese, indetta a oltranza da inizio settimana da Confagricoltura, Cia e Alleanza delle cooperative di Puglia. Lunedì la rabbia degli agricoltori, fortemente danneggiati dalle gelate di inizio anno, Xylella fastidiosa e da un PSR in forte ritardo, è stata rappresentata dall’occupazione simbolica della sede del Consiglio regionale della Puglia. Ieri pomeriggio, invece, si è svolta la riunione convocata dall’assessore regionale Leonardo Di Gioia, proprio a seguito della manifestazione di lunedì, per affrontare la problematica relativa al forte ritardo accumulato dai bandi del Programma di Sviluppo Rurale.

La riunione si è conclusa con l’impegno dell’assessore Di Gioia a far incontrare a breve le organizzazioni agricole e le centrali cooperative con la Presidenza della Regione Puglia e con gli uffici competenti per procedere al recupero di ulteriori fondi, attraverso la rimodulazione del “patto per la Puglia”, oltre a risorse aggiuntive, finalizzati agli investimenti per le imprese agricole e le cooperative agricole.

L’assessore Di Gioia si è impegnato, entro 48 ore al massimo, a chiedere al Ministro per le Politiche Agricole, Gian Marco Centinaio, una legge speciale per affrontare l’emergenza Xylella fastidiosa, al fine di operare in maniera più veloce e con poteri straordinari.

“Sulla questione Xylella non c’è più altro tempo da perdere – dicono da Confagricoltura in una nota -: quello già accumulato e perso in 5 anni, ha portato l’espandersi del batterio a nord di Brindisi e ormai alle porte della provincia di Bari. La questione è più che mai urgente. La mobilitazione continua ad oltranza e si sposterà anche a livello governativo e parlamentare per ottenere le necessarie risposte che il comparto agricolo pugliese attende da mesi. Un comparto ormai alla canna del gas”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui