Home Attualità Polo Pediatrico pugliese, al Giovanni XXIII ci sarà Neonatologia: incerti tempi e...

Polo Pediatrico pugliese, al Giovanni XXIII ci sarà Neonatologia: incerti tempi e costi

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

830 unità in organico, 180 giorni per un’idea progettuale più completa. Il nuovo polo pediatrico della Puglia, individuato nel Giovanni XXIII di Bari, parte tra molte aspettative ma ancora tante incertezze. Dopo la delibera di giunta che ha sancito formalmente l’avvio dello scorporo, la strada ora sarà molto lunga, con il successivo ok alla costituzione di un’azienda autonoma che deve arrivare dallo Stato centrale, per un distacco dal Policlinico che potrebbe richiedere almeno 5 anni. In futuro non è da escludersi l’individuazione di una nuova struttura diversa da quella di Via Amendola, costruita negli anni ’70 e che oggi presenta non poche criticità.

Nel frattempo bisognerà pensare all’immediato, con l’assunzione di nuovo personale per colmare almeno in parte le gravi carenze più volte salite alla ribalta delle cronache. Per questo è previsto a stretto giro un allargamento di almeno 200 unità, 27 medici, 49 infermieri e 86 operatori socio sanitari. In più saranno nominati 4 primari, oggi mancanti, nei reparti di Ortopedia, Malattie Metaboliche, Neurologia e Malattie Infettive. Su altri aspetti, quali la previsione degli investimenti e la risoluzione dei dubbi sorti tra i medici, la Regione preferisce non svelare le carte. L’unica certezza, anticipata dal neo Direttore Generale del Policlinico Giovanni Migliore, è che ci sarà una Neonatologia, completamente autonoma e staccata da quella del Policlinico. Sul tema era nata negli scorsi mesi un’accesa polemica da parte del primario del reparto Nicola Laforgia.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui