Home Attualità Sanità lucana, sentenza della Cassazione: “Montanaro e Fruscio non andavano arrestati”

Sanità lucana, sentenza della Cassazione: “Montanaro e Fruscio non andavano arrestati”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Vito Montanaro e Luigi Fruscio, in manette il 6 luglio scorso nell’ambito di un’inchiesta su appalti e assunzioni nella sanità lucana, non dovevano essere arrestati. A dirlo è una sentenza della Cassazione, che annulla con rinvio il provvedimento con cui il Riesame aveva respinto il ricorso contro l’ordinanza di arresto ai domiciliari del gip di Matera: nei confronti dell’ex direttore generale della Asl di Bari e del dirigente dell’Anticorruzione non c’erano sufficienti indizi di colpevolezza. A darne notizia è La Gazzetta del Mezzogiorno.

Montanaro e Fruscio sono tornati in libertà lo scorso 24 settembre per ordine del Tribunale ma la Cassazione, nonostante il venir meno degli arresti, ha scelto comunque di pronunciarsi.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui