Home Attualità Bari, Decaro nella ex Fibronit: “La fabbrica della morte non c’è più”

Bari, Decaro nella ex Fibronit: “La fabbrica della morte non c’è più”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Nella mattinata di oggi il sindaco Antonio Decaro e gli assessori regionali all’Ambiente e all’Urbanistica, Giovanni Stea e Alfonso Pisicchio, si sono recati sul cantiere della bonifica della ex Fibronit per verificare le ultime fasi delle lavorazioni in corso.

“Poter passeggiare all’interno dell’area della Fibronit senza fare lo slalom tra gli edifici che per tanti anni hanno spaventato questa città è stato emozionante – ha detto il sindaco Decaro dopo il sopralluogo -. Quegli edifici non ci sono più, la fabbrica della morte non c’è più: non fa più paura a nessuno. Dopo la bonifica, in queste ore, gli operai stanno posizionando il terreno vegetale all’interno delle aree che sono state confinate e adesso stiamo guardando al futuro. Al parco della Rinascita che sorgerà proprio dove un tempo c’era la fabbrica: un parco di 120mila metri quadri, il più grande della città, che sarà realizzato anche grazie a un finanziamento della Regione”.

“Con il collega Stea, siamo qui per renderci conto dello stato dei lavori – ha detto l’assessore Pisicchio -. Finalmente guardiamo questo posto, che in passato non è stato un luogo bellissimo per la storia della città di Bari, pensando a un futuro di Rinascita. Il nome scelto per il parco dice tutto”.

Al sopralluogo hanno partecipato anche gli assessori comunali ai Lavori Pubblici e all’Ambiente, Giuseppe Galasso e Pietro Petruzzelli, i progettisti del nuovo parco della Rinascita che sorgerà sull’area, l’architetto Laura Rubino e l’ingegner Nicola Falcone, e il presidente del Comitato Cittadino Fibronit, Nicola Brescia.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui