Home Apertura Xylella e gelate, Roma invasa dai gilet arancioni: “Ridateci la dignità”. In...

Xylella e gelate, Roma invasa dai gilet arancioni: “Ridateci la dignità”. In piazza feretro pieno di bottiglie d’olio

Foto da pagina Facebook di Confagricoltura Bari
Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Hanno invaso pacificamente Roma per chiedere decreti d’urgenza e risorse per le gelate che hanno messo in ginocchio l’olivicoltura pugliese e per la xylella: la peste degli ulivi. Sono gli olivicoltori con i gilet arancioni arrivati nella Capitale da Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Abruzzo e Toscana.

Tanti i cartelli che si leggono e che raccontano storie di sofferenze: dal “Ridateci la dignità” al “Non siamo cittadini di Serie B” fino a un significativo “In attesa del decreto moriremo gelati”.

In piazza, poi, campeggia un tappeto di rami secchi legati da nastrini arancioni e un feretro pieno di bottiglie di olio extravergine d’oliva italiano: una delle prime simboliche azioni di protesta che gli olivicoltori hanno preparato. “È l’immagine simbolo della nostra olivicoltura ridotta a un cimitero di ulivi per la xylella e per le gelate dello scorso anno – spiega il portavoce dei gilet arancioni, Onofrio Spagnoletti Zeuli – . Senza interventi rapidi e concreti del governo saremo costretti a chiudere tutto e sarebbe una bomba sociale ed economica per il Sud intero”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui