Home Apertura Bari, studenti accolgono Salvini con una barca di cartone: “Basta razzismo”. Installazione...

Bari, studenti accolgono Salvini con una barca di cartone: “Basta razzismo”. Installazione rimossa per motivi di sicurezza

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Un barcone realizzato in cartone dagli studenti baresi per accogliere il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che oggi pomeriggio sarà a Bari, è stato lasciato ieri sera accanto al teatro Petruzzelli, a pochi passi dal luogo dove il ministro terrà un comizio.

L’installazione, chiamata “Mille storie, una città. Bari solidale”, è rimasta lì solo alcune ore ed è stata poi rimossa per motivi di sicurezza. Sulla vela gli studenti di Zona Franka, tra gli organizzatori del corteo “Mai Con Salvini, Bari non si Lega” in programma oggi nel centro di Bari in contemporanea con la visita del ministro, hanno messo bigliettini su cui hanno scritto “desideri e paure”: da “non avere un razzista come guida del Paese” a “più investimenti nella cultura”, da “più mezzi pubblici e parchi” a “basta razzismo”, passando per “lavoro per i giovani” e “umanità”.

“Ieri in piazza abbiamo costruito una grande barca, l’abbiamo caricata, con gli studenti di tutte le età, dei nostri desideri e delle nostre paure – spiegano da Zona Franka in un post pubblicato su Facebook -. Una barca come quelle su cui viaggiano le speranze di tanti: di chi lavora ogni giorno sui pescherecci della nostra città, di San Nicola che ci unisce nella più grande festa di Bari, di chi è arrivato vent’anni fa dalle coste dell’ex Jugoslavia e di chi arriva ora da quelle Libiche. Dopo anni in cui ha costruito la sua politica sulle spalle di noi meridionali – dicono ancora gli studenti -, hanno trovato la chiave per fare gli interessi di chi ha di più a scapito di chi ha meno, puntando il dito sulle persone migranti e tutti coloro che non la pensano come loro. Noi però crediamo che a Bari nessuno debba sentirsi solo”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui