Home Apertura Bari, al citofono: “Abbiamo avuto le sue generalità dall’ufficio elettorale. Possiamo salire?”...

Bari, al citofono: “Abbiamo avuto le sue generalità dall’ufficio elettorale. Possiamo salire?” Il Comune vuole vederci chiaro

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

“Salve, la signora Rosa Rossi? È nata il 30 febbraio del 1900 a Bari? Sono Tizia Caia e ho avuto le sue generalità dall’ufficio elettorale del Comune, posso salire per farle alcune domande?”. I dati che abbiamo scritto, ovviamente, sono frutto della nostra fantasia. Il fatto che raccontiamo, però, è assolutamente reale ed è accaduto poco dopo le 10.30 di ieri in via Giuseppe Petraglione, a Bari.

Nome e cognome, luogo e data di nascita ed evidentemente indirizzo di residenza. Tutti dati sensibili in possesso di una ragazza che si è presentata al citofono di una palazzina della via del quartiere Carrassi con la pretesa di salire per porre alcune domande alla persona che ci ha inviato la segnalazione. La padrona di casa, ovviamente, non ha assecondato la richiesta ma il fatto ‘strano’ resta e dal Comune di Bari vogliono vederci chiaro.

“È una cosa davvero strana sulla quale abbiamo disposto accertamenti – dice il direttore generale del Comune, Davide Pellegrino -. Quanto accaduto è grave. L’ufficio elettorale non fa nessun tipo di accertamenti a domicilio e questa storia presenta dei profili che non ci convincono. Per questo abbiamo trasferito l’informazione alla Polizia giudiziaria”.

I dati dell’ufficio elettorale, infatti, non sono accessibili a chiunque. Chi vuole accedervi, cosa che comunque non è consentita a tutti, deve fare richiesta formale. Il Comune quindi, proprio in questo senso, ha avviato degli accertamenti.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui