Home Attualità Ex Presidio Padre Pio, tutto fermo fino ad aprile. Mincuzzi (FIALS): “Altre...

Ex Presidio Padre Pio, tutto fermo fino ad aprile. Mincuzzi (FIALS): “Altre strutture sature. Riapertura al più presto”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Cinque infermieri generici, tre amministrativi. La vicenda dell’ex Presidio Padre Pio balla sui numeri. La scorsa settimana i sindacati si sono incontrati con il gruppo CONSSI, assegnatario dei posti di riabilitazione rimasti scoperti con il fallimento della clinica di Capurso. Il nuovo Presidio ha una sede attrezzata ad Adelfia, ma ad oggi l’attività in convenzione non è ancora ripresa.

A rallentare la risoluzione della vicenda anche il rimpallo con ASL e Regione. Nel corso dell’incontro la CONSSI ha chiesto che il personale possa prendere servizio gradualmente, man mano che l’attività entrerà a pieno regime. Una possibilità che danneggerebbe i lavoratori che dal momento della firma del contratto rischierebbero di essere privati del contributo NASPI. Questioni che il tavolo ha comunque rimandato agli uffici regionali.

Nel frattempo, però, l’attività resta ancora ferma con la prospettiva di riprendere nella migliore delle ipotesi tra aprile e giugno. Massimo Mincuzzi della FIALS ha chiesto il rispetto dei tempi: “Vogliamo che i lavoratori rientrino al più presto in servizio. Chiediamo con massima sollecitudine la riapertura considerato che altre strutture del territorio sono già al massimo della saturazione. Quella clinica oggi doveva essere già riaperta”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui