Home Attualità Educazione stradale, ‘Ciao Vinny’ nelle scuole di Bari e provincia. Nel 2017...

Educazione stradale, ‘Ciao Vinny’ nelle scuole di Bari e provincia. Nel 2017 in Italia 175mila incidenti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Distrazione alla guida, velocità troppo elevata, mancato rispetto del codice della strada, delle precedenze e uso del telefono al volante: sono i comportamenti sbagliati più frequenti alla base degli incidenti stradali, spesso mortali. I dati, impietosi, emergono dai numeri dell’ultima rilevazione ISTAT del 2017. Gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia sono stati 174.933, con 3.378 vittime e 246.750 feriti. Tra le vittime aumentano i pedoni (600, +5,3%) e i motociclisti (735, +11,9%), mentre risultano stabili gli automobilisti deceduti (1.464, -0,4%). In calo ciclomotoristi (92, -20,7%) e ciclisti (254, -7,6%).

La fondazione barese ‘Ciao Vinny Onlus’ ha deciso di portare questi numeri nelle scuole superiori del territorio per educare e sensibilizzare gli studenti ai corretti stili di guida anche in previsione dell’estate, periodo in cui si registra un aumento degli incidenti. Nel 2019 saranno circa un migliaio i ragazzi delle scuole che parteciperanno al progetto della Fondazione sostenuto dalla Polizia Municipale e dal Comune di Bari. Nove gli istituti coinvolti: Perotti, Lenoci, Salvemini, De Nittis – Pascali, De Lilla, Romanazzi e Calamandrei di Bari, più il Volta – De Gemmis di Bitonto e l’ITT Nervi – Galilei di Altamura.

“Durante le mattinate con gli alunni la Fondazione Ciao Vinny porta le testimonianze di vita di chi ha perso qualcuno in un incidente, di chi lo ha subìto riportando gravi lesioni o in generale i racconti di chi è rimasto coinvolto in un tragico evento o di chi ha prestato soccorso – spiega Lorenzo Moretti, vice presidente della Fondazione creata in memoria di suo fratello -. L’obiettivo è mantenere alta l’attenzione verso le buone pratiche da tenere alla guida ed educare i ragazzi, e anche i genitori attraverso di loro, a non commettere stupidaggini che potrebbero costare caro”.

Per stimolare la partecipazione attiva degli studenti, in genere molto coinvolti dal progetto, la Fondazione ha deciso di portare avanti, insieme al percorso di formazione, anche il concorso “Crea lo spot”. In sostanza, si chiede ai ragazzi di cimentarsi nella creazione di una campagna di comunicazione per una nelle tre categorie individuate (comunicazione illustrate, spot video e lavori per il web) che abbia come fine la promozione della sicurezza stradale.  Alla fine, una giuria composta da giornalisti, esperti di comunicazione e rappresentanti della fondazione, premierà i tre vincitori assoluti (uno per ogni categoria) mentre i lavori realizzati verranno pubblicati e messi a disposizione del Comune di Bari che potrà utilizzarli per le proprie campagne di sensibilizzazione.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui