Home Attualità Kourou, lanciato nella notte il satellite italiano Prisma: nello spazio anche ‘un...

Kourou, lanciato nella notte il satellite italiano Prisma: nello spazio anche ‘un pezzo’ di Bari

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

C’è anche un pezzo di Bari nella missione Prisma, il satellite iperspettrale “più potente al mondo” lanciato nella notte tra il 21 e il 22 marzo dalla base spaziale europea di Kourou, nella Guyana francese: alla missione ha infatti contribuito anche l’azienda pugliese Planetek Italia, che – si legge in una nota – nella sede di Bari ha sviluppato alcune componenti di gestione ed elaborazione dei dati che saranno acquisiti dal sensore iperspettrale.

Due ore dopo la partenza, alle 4.48, Prisma ha mandato a Terra il primo segnale, acquisito dalla sala controllo del Centro Spaziale del Fucino di Telespazio. Nelle prossime ore saranno condotti i primi test del satellite, che sarà pienamente operativo dalla metà di giugno.

“Questa missione apre grandi prospettive per il futuro dello Spazio in Italia ed in Puglia – sottolinea Giovanni Sylos Labini, CEO di Planetek Italia – potenziando le capacità del Distretto Aerospaziale Pugliese. Grazie alla disponibilità dei dati iperspettrali di Prisma, che contengono un enorme patrimonio informativo, si potranno creare nuove opportunità di ricerca e di sviluppo del comparto industriale pugliese che, in questi ultimi anni, ha dimostrato una enorme capacità nello di sviluppo di nuove tecnologie e applicazioni”.

“I dati iperspettrali – continua – aprono nuovi scenari in numerosi ambiti applicativi, che vanno dallo studio dell’impatto dei cambiamenti climatici a livello globale, allo sviluppo dell’agricoltura, allo studio dell’inquinamento del suolo e del mare ed in generale nello studio dei fenomeni complessi che prevedono la interazione tra atmosfera, biosfera e idrosfera”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui