Home Attualità Bari, ministro Bonafede nel palazzo ex Telecom: “Otto piani su dieci okay....

Bari, ministro Bonafede nel palazzo ex Telecom: “Otto piani su dieci okay. Risultato importante di cui sono orgoglioso”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, è arrivato a Bari per un sopralluogo in alcune delle otto sedi in cui sono dislocati gli uffici giudiziari e dell’area delle ex Casermette dove dovrebbe sorgere il futuro Polo della Giustizia barese. Bonafede torna nel capoluogo pugliese dopo il 7 giugno 2018, quando, per la sua prima uscita ufficiale da ministro, scelse Bari perché all’epoca le udienze si celebravano nelle tende a causa della inagibilità del Palagiustizia di via Nazariantz, poi sgomberato.

“Un anno fa, in questa meravigliosa città, la giustizia era finita nelle tende – dice Bonafede in diretta Facebook dal palazzo ex Telecom -. Oggi sei piani su dieci di questo edificio sono già operativi. Altri due, invece, verranno consegnati in giornata. È un risultato importante di cui sono molto orgoglioso”.

Ad accogliere il ministro sono stati i vertici degli uffici giudiziari baresi: il presidente della Corte di Appello Franco Cassano, il presidente del Tribunale Domenico De Facendis, il procuratore generale Annamaria Tosto, il procuratore Giuseppe Volpe, il presidente dell’Anm di Bari Giuseppe Battista, il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì. “Ha mantenuto la promessa di tornare”, ha detto il procuratore generale Tosto accogliendo il ministro negli uffici del rione Poggiofranco. Nel palazzo sono attualmente ancora in corso i lavori di realizzazione delle aule per le udienze.

“I soldi ci sono: sono circa 94 milioni di euro. Ho già convocato al Ministero della Giustizia gli uffici per la firma del protocollo proprio per dare avvio alla progettazione”, ha detto poi Bonafede visitando l’area delle ex Casermette di Bari. Sui tempi della nuova sede, aggiunge: “Non prometto mai niente senza essere certo di quello che sto dicendo. Si deve aspettare necessariamente l’esito della fase di progettazione, all’esito di questa fase potremo dare tutti i tempi”.

Intanto slitta a metà giugno la firma del nuovo protocollo d’intesa che sarà sottoscritto tra Comune di Bari e Ministero della Giustizia per la realizzazione del Polo unico giudiziario. “Era prevista il 28 maggio – ha spiegato il ministro Alfonso Bonafede – ma abbiamo preferito rinviare perché qui ci sono le elezioni e non volevo che la giustizia entrasse nelle dinamiche elettorali”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui