Home Attualità Emergenza neve nel Barese, gli agricoltori chiedono lo stato di calamità

Emergenza neve nel Barese, gli agricoltori chiedono lo stato di calamità

 Le temperature rigide non hanno consentito lo scioglimento della coltre di ghiaccio, imprigionando le colture agricole

{loadposition debug}

Vigneti abbattuti dalla neve, ortaggi e agrumi distrutti dalle gelate, masserie isolate, al buio e senza acqua per giorni: nelle campagne di tutta la Puglia è emergenza. “Chiediamo lo stato di calamità – annuncia il Presidente regionale CIA Puglia Raffaele Carrabba – Questa eccezionale ondata di maltempo ha colpito l’intera regione, mettendo in ginocchio tutto il mondo agricolo. Ci sono agricoltori e allevatori stremati, in un momento già difficile per il settore”.

I tecnici della Confederazione Italiana Agricoltori in tutta la regione sono impegnati nei sopralluoghi per una puntuale valutazione dei danni. È prematuro fare una stima, se non approssimativa, perché i danni non riguardano una sola coltura o un solo comparto, ma l’intera agricoltura. Le temperature rigide, nonostante le nevicate non siano durate a lungo, non hanno consentito lo scioglimento della coltre di ghiaccio, imprigionando soprattutto le colture orticole.

Nelle campagne le criticità non riguardano solo le coltivazioni: sono tanti gli agricoltori, soprattutto nelle zone rurali più impervie, che stanno vivendo un dramma per la mancanza di corrente e acqua, il freddo popolare, i disagi e l’impossibilità di raggiungere con i mezzi le masserie per il ritiro del latte o la consegna dei mangimi. “Nonostante le difficoltà e i loro stessi problemi, tanti nostri soci si stanno prodigando per aiutare la Protezione Civile a fronteggiare questa emergenza con trattori, pale e altri mezzi meccanici – racconta il direttore regionale CIA Puglia Danilo Lolatte – esprimendo la solidarietà che è propria di un mondo genuino, fatto di semplici gesti. E ai volontari della Protezione Civile va il nostro ringraziamento per l’enorme lavoro svolto in questi giorni difficili”. La scelta di chiudere le scuole in numerosi comuni si è rivelata provvidenziale anche per i tanti figli di agricoltori impossibilitati a raggiungere le città. Nessuna provincia è stata risparmiata dal maltempo. 

[bt_slider uid=”1483960275-58736fd37c853″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/Campagne provincia di Bari.JPG” title=”Campagne provincia di Bari.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/Allevamenti provincia di Bari.JPG” title=”Allevamenti provincia di Bari.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/ortaggi gelati Foggia.JPG” title=”ortaggi gelati Foggia.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/vigneti caduti Castellaneta.JPG” title=”vigneti caduti Castellaneta.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

 

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo