Home Attualità Terlizzi, denuncia CIA Puglia: “Il mercato dei fiori è sempre più abbandonato...

Terlizzi, denuncia CIA Puglia: “Il mercato dei fiori è sempre più abbandonato a se stesso”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Il mercato dei fiori di Terlizzi, cuore pulsante dell’attività florovivaistica pugliese, è sempre più abbandonato a se stesso. Un settore vitale dell’economia locale naviga a vista, o meglio, nell’acqua piovana”. Così il presidente provinciale CIA Levante, Felice Ardito dopo gli allagamenti che hanno caratterizzato gli ultimi mesi. “Sono cadute nel vuoto le richieste di aprire un serio tavolo di confronto per imprimere una svolta e rilanciare il centro servizi per la commercializzazione e l’assistenza tecnica alla floricoltura che non è mai partito davvero e rappresenta una dicitura rimasta solo su carta – aggiunge -. La determina dirigenziale che impegna circa 46mila euro per i lavori di impermeabilizzazione della copertura del plateatico non risolverà i problemi strutturali”.

La denuncia, si legge in una nota, arriva dopo i numerosi e vani solleciti inoltrati all’amministrazione comunale, anche in seno alla Consulta del Fiore, e all’indomani dell’ultimo annuncio dell’imminente cantierizzazione dei lavori. “Consideriamo tardivo l’intervento del Comune ed è solo un palliativo vista la mancata manutenzione dell’immobile nel tempo – continua il presidente Ardito – Il nuovo mercato avrebbe potuto rappresentare un punto di incontro della filiera e uno snodo di valorizzazione delle produzioni locali, oltre che uno spazio per studiare strategie di valorizzazione di un settore produttivo che merita più attenzione da parte delle pubbliche istituzioni e degli stessi operatori”.

Le strutture del mercato dei fiori, prosegue la nota, appartengono al patrimonio immobiliare del Comune e la fruizione degli spazi a fini commerciali da parte degli operatori florovivaistici è subordinata al pagamento di un canone a favore del Comune che, a sua volta, eroga servizi utili alla corretta esecuzione delle operazioni di vendita. “Già nel corso del mese di marzo avevamo segnalato, insieme agli operatori, importanti problemi strutturali che interessavano le coperture del patio adibito alla vendita sino al punto da ostacolare ed addirittura inibire la regolare attività commerciale degli stessi – aggiunge il responsabile sviluppo organizzativo CIA Levante, Giuseppe De Noia, -. Le vendite, in queste condizioni, crollano inesorabilmente”.

CIA Levante, conclude la nota, sin dall’attivazione del centro servizi aveva proposto di affidare la gestione del mercato direttamente ai produttori. La Confederazione sollecita il sindaco e l’intera amministrazione comunale affinché partano immediatamente i lavori e vengano programmati adeguati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura finalizzati anche a verificare la tenuta degli impianti e a tutelare l’incolumità di operatori. “Un segnale importante – conclude Felice Ardito -, sarebbe la riduzione o l’azzeramento del canone di locazione delle piazzole di vendita da attuarsi sino a completo ripristino degli spazi. Studiare misure a salvaguardia del settore è l’unica strada per uscire dal tunnel della crisi. Chiediamo, infine, che il Comune chiarisca una volta per tutte quale sia il reale motivo dell’assenza dell’assessore competente”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui