Home Apertura Bari, gestione stadio San Nicola: pubblicato il bando per la concessione di...

Bari, gestione stadio San Nicola: pubblicato il bando per la concessione di 5 anni

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Sono ormai lontani i tempi in cui il sindaco antonio decaro obbligava l’ex patron del Bari, ora in carcere per bancarotta fraudolenta e riciclaggio, Cosmo Giancaspro a consegnare le chiavi dello stadio San Nicola.

È passato quasi un anno e il Comune è pronto a affidare l’astronave di Renzo Piano nelle mani del miglior offerente. Il bando tanto atteso è stato pubblicato sul sito del comune di Bari e si potrà partecipare, attraverso una procedura esclusivamente telematica, fino alle 12 del 28 giugno 2019. Sarà un concessione di 5 anni da 3 milioni 534 mila euro quella dello stadio San Nicola.

70 punti per l’offerta tecnica, 30 per quella economia. La concessione sarà affidata al concorrente che avrà raggiunto un maggior punteggio complessivo. A valutarlo, una commissione giudicatrice che sarà nominata dopo il termine fissato per la presentazione delle domande e che si riserverà anche di non procedere a nessuna aggiudicazione se, si legge nel bando, nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto. Possono partecipare imprese, Cooperative e i Consorzi di Cooperative, Società sportive professionistiche e dilettantistiche affiliate alla figc, Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva riconosciute dal Coni. Tra i requisiti richiesti, l’aver gestito per un anno consecutivo, nell’ultimo triennio, almeno un impianto sportivo destinato al gioco del calcio per pubbliche amministrazioni o privati. Il che fa ben sperare per l’arrivo dell’offerta targata De laureentiis. Un bando che arriva alla vigilia del campionato di serie c  eche proietta il Bari tra i professionisti e, sognando in grande ma non troppo, su palcoscenici ben più importanti che richiedono di certo una risistemazione dell’astronave di Renzo Piano. Non resta che aspettare i primi di luglio quando inizieranno le operazioni di verifica formale e le successive valutazioni sulle offerte.