Home Attualità Puglia terza per illegalità in rifiuti e cemento, Legambiente: “2.854 infrazioni nel...

Puglia terza per illegalità in rifiuti e cemento, Legambiente: “2.854 infrazioni nel 2018”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

La Puglia nel 2018 si conferma al terzo posto nella classifica generale dell’illegalità ambientale, con 2.854 infrazioni accertate e le province di Bari, Foggia e Lecce tra le prime dieci in Italia. Resta sul podio per i reati legati al ciclo dei rifiuti, del cemento e al racket degli animali.

Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto Ecomafia 2019 di Legambiente. Le infrazioni accertate in Puglia lo scorso anno costituiscono il 10,6% del totale nazionale, con 751 sequestri effettuati, 2.669 persone denunciate e 8 arrestate. “La nostra regione continua ad essere martoriata dalle discariche abusive, dagli abbandoni e dalla combustione illeciti dei rifiuti – ha dichiarato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia -. Gli abbattimenti delle costruzioni abusive continuano a essere sporadici: solo il 16,3% delle ordinanze di demolizione emesse sono state eseguite”.

Nel ciclo illegale dei rifiuti la Puglia rimane al secondo posto con 947 infrazioni accertate (l’11,9% sul totale nazionale), 828 persone denunciate, 6 arrestate e 269 sequestri effettuati. Nel 2018 e nei primi 5 mesi del 2019, gli uomini della Guardia di Finanza hanno sequestrato 3.945 tonnellate di rifiuti industriali, 1.349 tonnellate di rifiuti urbani, 2.525 di rifiuti speciali e 11 discariche abusive e constatato un’evasione dell’ecotassa per quasi 50 milioni di euro. Dal 2002 al 1 luglio 2019, in Puglia ci sono state 76 inchieste contro attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti, circa il 16,5% delle inchieste su tutto il territorio nazionale.

Nella classifica dell’illegalità nel ciclo del cemento, la Puglia si conferma al terzo posto con 730 infrazioni accertate (l’11,1% sul totale nazionale). Resta seconda per quanto riguarda il racket degli animali con 816 infrazioni accertate (l’11,2% sul totale nazionale) 753 persone denunciate, 3 arrestate e 222 sequestri effettuati.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui