Home Attualità Bari, divieto di balneazione sul lungomare Sud. Acquedotto Pugliese: “Allo studio nuovo...

Bari, divieto di balneazione sul lungomare Sud. Acquedotto Pugliese: “Allo studio nuovo impianto di sollevamento”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

“Con riferimento alla nota diffusa dall’amministrazione comunale di Bari circa il divieto di balneazione nel tratto di lungomare a Sud del capoluogo, Acquedotto Pugliese precisa quanto segue”. Inizia così la nota diffusa da Aqp dopo le critiche ricevute nella giornata di ieri dal sindaco Decaro.

“Lunedì 15 luglio – si legge nella nota – al fine di scongiurare rotture improvvise e imprevedibili alle tubazioni, Aqp ha effettuato lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fognario di Torre del Diavolo. I lavori hanno comportato per 5 ore l’attivazione dello scarico di emergenza dei reflui, opportunamente trattati per abbatterne la carica batterica, attraverso un apposito canale, nel tratto di mare in località Torre Carnosa, lungo la litoranea Bari – San Giorgio”.

Chiarito ulteriormente quanto accaduto, Aqp rilancia. “In autunno, è previsto, per step successivi, il revamping complessivo dell’impianto. Con il progetto di revisione del sistema fognario a servizio di una parte consistente della città di Bari, sarà avviata la progettazione di un nuovo impianto “Torre del Diavolo bis” dotato delle più moderne tecnologie e che garantirà le più ampie garanzie di rendimento”.

La nota prosegue con una lunga lista di interventi in programma in città per circa 125 milioni di euro. “Il vasto programma di interventi – concludono da Aqp -, illustrato nel maggio scorso nel corso di una conferenza stampa con l’Amministrazione comunale, vuole offrire risposte efficaci e risolutive alla città di Bari per un servizio sempre più rispondente alle legittime aspettative di una società moderna e in continuo sviluppo. Tutta la struttura aziendale è impegnata con determinazione e sforzo straordinario, anche su impulso dell’Amministrazione, a dare concreta attuazione a tale progettualità, nel più breve tempo possibile, nel rispetto dei tempi tecnici e del contesto normativo di riferimento”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui