Home Attualità Palagiustizia Bari, al via le prime udienze nella sede provvisoria di via...

Palagiustizia Bari, al via le prime udienze nella sede provvisoria di via Dioguardi: “Aule anguste”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Prima giornata di udienze nel nuovo, provvisorio, Tribunale penale di via Dioguardi, nell’ex Torre Telecom al quartiere Poggiofranco di Bari. In aule definite “anguste” da un magistrato, con “spazi di attesa insufficienti e corridori stretti” sono cominciati i processi nella nuova sede della giustizia penale barese di primo grado, la soluzione ponte individuata dal Ministero della Giustizia, dopo lo sgombero per rischio crollo del Palagiustizia di via Nazariantz circa un anno fa, in attesa della realizzazione del Polo unico della Giustizia.

Tre delle 14 nuove aule distribuite su tre piani, con celle in plexiglass al posto delle vecchie sbarre in metallo, hanno ospitato da oggi le prime udienze del Tribunale monocratico, circa una decina di processi a fronte degli oltre 200 che saranno celebrati quotidianamente quando si andrà a regime, già a partire dalla prossima settimana.

“L’Anm sta raccogliendo tutti i dati sulle criticità, che formeranno poi un documento sul quadro completo della situazione” ha detto Michele Parisi, segretario della Giunta distrettuale dell’Anm di Bari e uno dei tre giudici che oggi hanno tenuto le prime udienze in via Dioguardi. È stato lui a parlare di “aule anguste” e di “difficoltà a celebrare le udienze perché si sentono i rumori che arrivano dai corridoi, che sono molto stretti”, oltre ad evidenziare le “difficoltà logistiche per i parcheggi, assolutamente insufficienti”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui