Home Attualità ‘Sono persone’, l’ordine degli avvocati di Bari consegna a Decaro opera in...

‘Sono persone’, l’ordine degli avvocati di Bari consegna a Decaro opera in ricordo dell’arrivo della nave Vlora

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Si chiama “Sono persone 8.8.1991” l’opera fotografica che l’Ordine degli Avvocati di Bari, insieme a Cellule Creative e al fotografo Stefano Di Marco, ha donato al Comune di Bari in ricordo dello sbarco della nave Vlora dell’8 agosto 1991 e in memoria dell’allora sindaco Enrico Dalfino.

Lo scatto di Di Marco, stampato su carta fotografica, riproduce l’opera pubblica in linguaggio morse “Sono persone” dell’artista Jasmine Pignatelli che, dallo scorso giugno, campeggia su un palazzo del waterfront di San Girolamo, in ricordo della frase che Dalfino pronunciò nei concitati giorni dell’arrivo dei 20mila profughi albanesi: “Sono persone, persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro unica speranza”. Una frase, quanto mai di attualità, che ha segnato la storia dell’immigrazione e che ha ispirato una serie di iniziative culturali negli ultimi mesi in città. Tra queste la performance artistica ideata da Jasmine Pignatelli lo scorso 8 agosto, con la trasmissione in codice morse della storica frase di Dalfino dal Teatro Margherita di Bari fino alle zone più remote del pianeta.

“Siamo orgogliosi di aver ricordato questo evento dalla giusta prospettiva – ha dichiarato il sindaco di Bari Antonio Decaro -, ne parlavo qualche settimana fa nel corso di un’iniziativa pubblica sull’immigrazione: oggi gli sbarchi riguardano imbarcazioni con al massimo qualche centinaia di persone: a Bari, l’8 agosto del 1991, arrivarono in 20.000, e la nostra città, con il sindaco Dalfino, dimostrò di essere quello che è sempre stata, una città accogliente. L’8 agosto di quest’anno abbiamo voluto commemorare l’arrivo della Vlora lanciando nell’etere in codice morse la frase pronunciata da Dalfino, scelta da Jasmine Pignatelli per la sua opera che da giugno capeggia sulla facciata di un palazzo dell’Arca a San Girolamo. Per questo intervento, accanto all’artista, ringrazio Misia Cellule creative e l’Ordine degli avvocati, come pure Stefano di Marco per avermi donato questa fotografia che da oggi è proprietà di tutta la comunità barese. Nei prossimi giorni presenteremo un progetto per realizzare un percorso di opere d’arte pubblica, a cielo aperto, nei quartieri della nostra città, per tracciare un itinerario a disposizione dei residenti e dei turisti. A San Girolamo abbiamo realizzato una ricucitura urbanistica e sociale e una serie di edifici a lungo abbandonati stanno tornando a nuova vita grazie a piccole iniziative ricettive che saranno supportate proprio dalla presenza di opere d’arte come quella già installata sul nuovo waterfront di San Girolamo”.

“Il nostro Ordine – ha ricordato il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì – sta supportando queste iniziative, condividendo il senso di umanità che l’episodio di quel lontano giorno genera ancora oggi e lo spirito di umana accoglienza dimostrato dai cittadini baresi in occasione dello sbarco della Vlora. Spirito che il sindaco Enrico Dalfino, avvocato caro ai colleghi del Foro non solo barese, seppe portare al suo naturale compimento nel segno della comunità umana a cui tutti apparteniamo”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui