Home Attualità Bari, inaugurata la biblioteca di quartiere ‘Cagnazzi’. Decaro: “La prima della rete...

Bari, inaugurata la biblioteca di quartiere ‘Cagnazzi’. Decaro: “La prima della rete Colibrì”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Nell’ambito del progetto “COLIBRì – La rete delle biblioteche del Comune di Bari”, si è tenuta questa mattina l’inaugurazione della biblioteca “Cagnazzi”, in via Colella 13, nel territorio del Municipio II.

La biblioteca municipale, il cui patrimonio comprende sia i volumi della ex biblioteca della Chiesa Russa sia quelli del Centro di documentazione “Antonino Caponnetto” per la legalità, ha sede all’interno dell’ex mercato coperto di via Cagnazzi, per anni inutilizzato e oggi restituito alla collettività e si configura come uno spazio di cittadinanza e intende radicarsi nel quartiere, raggiungendo soprattutto coloro che non credono di aver bisogno di una biblioteca.

Situata in posizione centrale rispetto al territorio municipale, nelle vicinanze di diverse scuole, del mercato di Santa Scolastica e del carcere, la biblioteca, che si estende su circa 400 metri quadrati, dispone di una sezione di emeroteca e videoteca. Si tratta del primo presidio culturale previsto dal progetto COLIBRì, nato grazie a un finanziamento del Municipio II.

“Il progetto delle biblioteche di quartiere – ha dichiarato Antonio Decaro – costituisce una parte importante della strategia che sin dallo scorso mandato stiamo realizzando sullo spazio pubblico, in tutti i quartieri, proprio per favorire la crescita e il rafforzamento delle pratiche di comunità. Per quanto riguarda Colibrì, l’obiettivo è quello di tenere insieme la riqualificazione dei luoghi, alcuni dei quali inutilizzati da tempo, proprio come questo spazio, con il tema dell’accesso alla cultura e delle opportunità per tutti, nell’ottica di garantire ai cittadini sempre più spazi di socializzazione e di apprendimento. Qui sarà valorizzata anche l’esperienza del centro di documentazione per la legalità “Caponnetto” che qui ha trovato una nuova sede, più adeguata e accessibile. Ne sorgeranno altre dieci in altrettanti quartieri in modo tale da riuscire a costruire una città policentrica”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui