Home Attualità ‘No ai limiti UE’, pescatori baresi protestano l’8 ottobre: “Premier convochi tavolo...

‘No ai limiti UE’, pescatori baresi protestano l’8 ottobre: “Premier convochi tavolo permanente”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

I pescatori pugliesi “in rivolta” annunciano un corteo di protesta, martedì 8 ottobre a Bari, dal Molo San Nicola al porto, per chiedere al governo che “i limiti insensati imposti dall’Ue” sulle dimensioni dei pesci da pescare vengano “ridiscussi”. “Non lasceremo la strada – avvertono – fino a quando non avremo ottenuto giustizia per il nostro lavoro. Fra noi ci sono tantissimi giovani sotto i 30 anni e non vogliamo che l’ottusità di queste leggi costringa anche loro a lasciare il sud”.

“Siamo migliaia di pescatori della Puglia – spiegano in una nota – e da giovedì 26 settembre abbiamo smesso di pescare in protesta contro i regolamenti comunitari che di fatto impediscono la nostra attività, con vari limiti insensati, fra cui la dimensione larga della maglia”. “Le dimensioni dei nostri pesci adulti – proseguono – sono di molto inferiori a quelle imposte dai limite dall’Unione Europea” e “c’è anche chi tra noi si è ritrovato a pagare 20mila euro di multa.

questo i pescatori chiedono al premier “la costituzione di un tavolo d’emergenza permanente sul settore”, che “coinvolga” tra gli altri, “i rappresentanti delle marinerie e i ministri Bellanova (alla quale chiedono un incontro urgente), Patuanelli, Costa, Di Maio, Amendola, Boccia, e i presidenti delle Regioni marittime”. Le richieste dei pescatori sono sottoscritte dalle marinerie di Bari-Santo Spirito, Barletta, Bisceglie, Giovinazzo, Manfredonia, Margherita di Savoia, Mola di Bari, Monopoli, Molfetta, Trani, Vieste.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui