Home Attualità Bari, cattivi odori al San Paolo: “Anche stamattina non si respira. Il...

Bari, cattivi odori al San Paolo: “Anche stamattina non si respira. Il sindaco dia risposte e soluzioni”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

“Anche stamattina al quartiere San Paolo non si respira. Quando lo risolviamo questo problema? Anche noi paghiamo le tasse. Anche noi siamo cittadini baresi”. L’ennesima segnalazione sui cattivi odori che ormai da più di un anno attanagliano il quartiere San Paolo si registra sulla pagina Facebook del sindaco Antonio Decaro.

All’appello dei cittadini, sempre nella mattinata di oggi, segue una nota dei consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle. “Durante il primo Consiglio comunale dello scorso 29 agosto l’Aula Dalfino aveva approvato all’unanimità una nostra mozione volta a tutelare i cittadini – scrivono Pani, Simone e Delle Fontane – . La mozione sottolineava come il fenomeno dalla scorsa primavera stia generando malesseri nella cittadinanza impattando in maniera considerevolmente negativa sulla qualità della vita, sul riposo notturno e sulle normali attività quotidiane”.

“A distanza di un mese e mezzo dall’ approvazione della mozione ricordiamo al sindaco, che presiede anche la città metropolitana, che il Consiglio comunale all’unanimità lo aveva impegnato ad informare la cittadinanza sui dati precisi derivanti dal monitoraggio effettuato da Arpa Puglia, come da convenzione col Comune di Modugno, in riferimento anche ai limiti previsti dalle Autorizzazioni Ambientali per le aziende nella zona interessata e a porre in essere ogni azione utile a tutela della pubblica incolumità. Ancora stanotte, però, i cittadini del quartiere San Paolo hanno dovuto sopportare un odore nauseabondo con malesseri e difficoltà respiratorie”.

“Il sindaco – concludono i 5 stelle – deve dare delle risposte ed elaborare delle soluzioni a tutela della salute e del benessere dei suoi cittadini, nel rispetto delle sue funzioni e dello Statuto Comunale”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui