Home Attualità Bari, un ospedale da campo in corso Vittorio Veneto: il 30 e...

Bari, un ospedale da campo in corso Vittorio Veneto: il 30 e 31 ottobre le operazioni di addestramento dell’Esercito

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

È stata presentata questa mattina, nella sala giunta di Palazzo di Città, l’esercitazione nazionale “Atlante 2019 – Auriga 19”, organizzata dal Comando dei Supporti Logistici dell’Esercito a Bari i prossimi 30 e 31 ottobre negli spazi contigui al palazzo del Comando provinciale della Guardia di Finanza in corso Vittorio Veneto. L’esercitazione ha l’obiettivo di verificare le capacità di schieramento e funzionamento di un ospedale da campo in due differenti scenari operativi: in un contesto prettamente militare e nel caso di impiego dell’Esercito in soccorso alle popolazioni colpite da un evento naturale catastrofico come lo tsunami.

Nello specifico, gli scenari riguarderanno un conflitto per cui, nelle retrovie, il Comando dei Supporti Logistici schiererà un ospedale da campo per garantire le cure di emergenza e di primo soccorso ai militari feriti nei combattimenti e dare assistenza alle popolazioni civili coinvolte. Successivamente l’Esercito, in cooperazione con la Protezione Civile, il Servizio Sanitario Nazionale e la Croce Rossa Italiana, andrà in soccorso alle popolazioni colpite da una calamità naturale verificatasi sul territorio regionale, utilizzando lo stesso ospedale da campo. Per l’occasione saranno montati 35 moduli su una superficie di 3.600 metri quadrati, dove sarà operativa una struttura sanitaria completamente autonoma e dotata di reparti di radiologia, terapia intensiva, chirurgia, ginecologia, pediatria, odontoiatria, di un poliambulatorio e di altre sale per la cura dei degenti.

“Sono qui per ringraziarvi a nome della città e del sindaco di Bari per aver scelto il nostro territorio come sede delle vostre esercitazioni – ha detto ai militari l’assessore allo Sviluppo economico, Carla Palone -. Operazioni come queste risultano davvero fondamentali in caso di situazioni estreme, perché ci consentono di evitare di affrontarle in emergenza e, quindi, di prepararci al meglio”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui