Home Attualità Bari, accordo Comune-Asl per allontanare i parcheggiatori abusivi dall’ospedale San Paolo

Bari, accordo Comune-Asl per allontanare i parcheggiatori abusivi dall’ospedale San Paolo

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La giunta comunale ha approvato uno schema di protocollo di intesa tra il Comune di Bari e la ASL Bari per lo svolgimento dei servizi di controllo del traffico e della viabilità nell’area di pertinenza dell’ospedale “San Paolo” di Bari.

Nel piano generale per la mobilità interna alla struttura, definito dall’Asl, si definisce un altro piano per la sosta che riserva stalli per i veicoli delle forze dell’ordine, dei servizi di soccorso, nonché per il servizio di donne in gravidanza, persone con limitata o impedita capacità motoria e/o di altre categorie di utenti munite di regolare contrassegno, e aree nelle quali è autorizzato il parcheggio libero dei veicoli.

Parallelamente la Polizia Locale svolgerà una serie di azioni che consentiranno agli agenti di elevare sanzioni nei confronti di chiunque, durante la circolazione stradale all’interno dell’ospedale “San Paolo”, violerà le norme del Codice della Strada o del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada.

“Questo protocollo facilita la vita dei cittadini – spiega il sindaco Decaro -. Le aree esterne agli ospedali devono essere gestite in modo da garantire un accesso rapido e facilitato, oltre ad assicurare a tutti gli utenti la possibilità di una sosta libera senza il rischio di imbattersi nei parcheggiatori abusivi che, con modalità a volte estorsive, rappresentano un fenomeno da contrastare con tutti gli strumenti a nostra disposizione. In questo senso, la Polizia locale di Bari sta facendo un lavoro costante già presso altre strutture ospedaliere di Bari, che ha portato all’adozione di circa 40 ordini di allontanamento nei confronti di soggetti dediti ad attività di parcheggio abusivo in forma estorsiva trasformati in 35 provvedimenti di Daspo urbano da parte della Questura. Dove è possibile stiamo intervenendo, di volta in volta in accordo con gli enti responsabili, per estendere l’attività di presidio e controllo sulla viabilità presente in tutto il territorio cittadino, anche nelle aree, come quelle degli ospedali, che non sono di competenza dell’amministrazione comunale, perché crediamo che non debbano esistere zone “franche” dal rispetto delle regole”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui