Home Attualità “Le indicazioni geografiche DOP e IGP come traino dello sviluppo locale”: il...

“Le indicazioni geografiche DOP e IGP come traino dello sviluppo locale”: il convegno a Matera

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Le indicazioni geografiche DOP e IGP come traino dello sviluppo locale”. È questo il titolo del convegno che si è tenuto oggi a Matera nel contesto di una tre giorni organizzata da CNA – Unione Agroalimentare Nazionale, dal 7 al 9 novembre, al fine di sviluppare e approfondire la cultura del cibo. Dopo una prima giornata dedicata alla dieta mediterranea e in attesa della chiusura di domani, in cui verrà sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato a creare una sorta di ‘gemellaggio culturale’ tra il cioccolato di Modica e il pane di Matera, il pomeriggio di oggi è stato dedicato alla questione relativa a come la forza delle produzioni con riconoscimento DOP e IGP delle regioni del Sud ancora non vedano lo stesso sviluppo rispetto alla performance di quelle del Nord.

“L’Italia con 822 IG è al primo posto in Europa per numero di certificazioni – si legge nella nota che ha presentato il convegno – con una produzione dal valore superiore ai 15 miliardi di euro, di cui quasi 9 miliardi per l’export. Che vuol dire: sviluppo locale, occupazione, ricchezza e turismo. Eppure, nel meridione d’Italia notiamo difficoltà all’export. I valori della produzione, tranne che in pochi casi, sono molto al di sotto delle IG del Centro-Nord. L’incontro a Matera, dunque, è stato organizzato proprio per iniziare a sviluppare un’analisi per capire su quali asset agire per allinearsi alle performance di regioni come Emilia Romagna, Veneto e Lombardia”.

A presiedere il dibattito è stato Luigi Picerno, presidente del consorzio del Pane di Altamura DOP, mentre a moderare gli interventi è stato Gabriele Rotini, responsabile nazionale CNA Agroalimentare. All’introduzione della tecnologa alimentare Sabrina Pupillo hanno fatto seguito le riflessioni di Luigi Polizzi, dirigente MIPAAF tutela IG, Fabio Del Bravo, ISMEA responsabile per lo sviluppo rurale, Maria Pia Miani, Sistema-Infocert, Maurizio De Carli, responsabile DPT relazioni sindacali CNA, Vincenzo Esposito, Flai Cgil, Roberto Benaglia, Fai Cisl, e Raffaella Sette, Uila Uil.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui