Home Attualità Puglia, isolati i primi virus influenzali della stagione: hanno colpito due bimbi...

Puglia, isolati i primi virus influenzali della stagione: hanno colpito due bimbi della provincia di Bari

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sono stati isolati i primi virus influenzali della stagione in Puglia: hanno colpito due bambini piccoli ricoverati in due diversi ospedali della provincia di Bari. L’identificazione dei virus è avvenuta nel laboratorio di Epidemiologia molecolare e Sanità Pubblica dell’UOC Igiene del Policlinico di Bari, diretto dalla Professoressa Maria Chironna. Uno dei due bambini ha solo un anno, l’altro appena un po’ più grande.

In entrambi i casi si tratta di virus A. L’ulteriore caratterizzazione molecolare di uno dei due ceppi ha permesso di verificare come questo sia sostanzialmente simile a quello contenuto nei vaccini che in questi giorni vengono somministrati ai pugliesi. Un dato molto rassicurante, dicono dal Policlinico di Bari.

“Quasi sempre i primi isolamenti dei virus influenzali vengono fatti in bambini piccoli che risultano tra i più suscettibili alla malattia – si legge in una nota -. E sono in genere i bambini ‘gli untori’ che durante l’epidemia influenzale contribuiscono alla trasmissione dell’influenza agli adulti e agli anziani. Questi ultimi, purtroppo, sono invece quelli a maggior rischio di sviluppare, se non vaccinati, le complicanze e le forme gravi di influenza fino al ricovero per polmonite o insufficienza respiratoria”.

“Al momento non è possibile fare previsioni su come andrà questa stagione influenzale in Puglia e su quanti saranno i casi – aggiungono dall’ospedale -. Servono valutazioni più approfondite che potranno essere fatte solo più avanti col procedere della stagione e quando l’incidenza dell’influenza raggiungerà valori più significativi. Quindi, dovremo aspettare le prossime settimane. Non è possibile neanche fare previsioni su quali ceppi circoleranno con maggiore frequenza e neanche sull’eventuale “aggressività” di questi ceppi perché ciò dipenderà da quanto i virus saranno in grado di ”mutare”, dalla suscettibilità e dalle condizioni di rischio della popolazione colpita. Anche l’arrivo del picco epidemico rimane incerto. Sappiamo che nelle ultime due stagioni, particolarmente severe in termini di numero di casi, il picco è arrivato tra fine dicembre e inizio di gennaio. L’andamento della curva epidemica ci aiuterà a capire quando potrà verificarsi in questa stagione”.

“L’identificazione dei virus influenzali ci deve però mettere in guardia e non farci cogliere impreparati – si legge in coda alla nota -. Si tratta di un campanello d’allarme che deve portare ad una intensificazione  della campagna di vaccinazione della popolazione. Attenti, infine, all’uso degli antibiotici: non funzionano nelle infezioni virali, ma vanno prescritti dai medici solo in caso di necessità”. Raccomandazioni che combaciano con quelle diffuse, sempre nella mattinata di oggi, dal Ministero della Salute.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui