Home Attualità Bari, ‘open day’ nel primo Polo dell’infanzia a Japigia. Decaro: “Ne apriremo...

Bari, ‘open day’ nel primo Polo dell’infanzia a Japigia. Decaro: “Ne apriremo altri in città”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Visita aperta nella struttura che accoglierà il primo Polo dell’infanzia comunale, realizzato nell’asilo Michele Sparanza. Un ‘tour’ al quale hanno preso parte i cittadini assieme al sindaco Antonio Decaro e all’assessore Paola Romano.

Si tratta del primo polo dell’infanzia realizzato a Bari, che accoglierà i bambini da tre mesi a sei anni, con all’interno l’asilo nido Japigia di via Viterbo, una sezione primavera e una scuola dell’infanzia. Saranno accolti circa 130 bambini in totale e le iscrizioni saranno aperte a partire dal prossimo marzo, secondo le procedure previste dalla Ripartizione Politiche educative del Comune di Bari.

Il polo è stato realizzato grazie alla ristrutturazione del vecchio plesso Michele Speranza, con un intervento messo a punto dagli uffici tecnici del Comune per un importo di 280mila euro.

“Il nostro obiettivo è aprire strutture come questa in tutta la città – ha spiegato il sindaco Decaro -. Luoghi in cui di fatto sono accolte le famiglie per intero, genitori e figli. Qui gli educatori accoglieranno i bambini dai primissimi mesi di vita fino ai sei anni, con la possibilità di offrire anche il servizio prolungato fino alle 18. Investire in infrastrutture per i più piccoli significa per noi investire in una comunità di cura, che si sostiene nei momenti forse più difficili nella vita di una famiglia, quando i bambini sono troppo piccoli e le difficoltà quotidiane sono più pressanti, creando una alleanza tra educatori e famiglie, famiglie con altre famiglie e il quartiere, che mi auguro vorrà prendersi cura di questo nuovo spazio rinato”.

“Oggi abbiamo voluto mostrare la nuova sede del Polo dell’infanzia ai futuri genitori che vorranno scegliere questa struttura come asilo o scuola per il proprio figlio nel prossimo settembre – ha detto Paola Romano -. Oggi presentiamo il nuovo concorso per gli educatori e le insegnanti che ci consentirà di sostituire il personale in pensione e sostenere le nuove strutture che contiamo di aprire”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui