Home Attualità Coronavirus, mascherine ‘carta igienica’ alla Polizia Penitenziaria di Puglia: la denuncia del...

Coronavirus, mascherine ‘carta igienica’ alla Polizia Penitenziaria di Puglia: la denuncia del sindacato

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

“Le mascherine ‘carta igienica’ rifiutate dalla Lombardia, date in dotazione alla polizia penitenziaria”. È la denuncia del Sappe, il Sindacato autonomo della polizia penitenziaria, relativo ai dispositivi di protezione individuale per fronteggiare l’emergenza coronavirus nelle carceri pugliesi.

“Abbiamo ancora in mente le parole del presidente della regione Lombardia Fontana e dell’assessore al welfare Gallera, – dice il segretario del Sappe, Federico Pilagatti – che pubblicamente denunciavano l’inadeguatezza delle mascherine mandate dalla protezione civile, bollandole come ‘carta igienica’ e non adeguate per proteggere gli operatori, rincarando poi la dose dicendo che la carta igienica era migliore”.

“Il fatto che il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini – dice Pilagatti – abbiano autorizzato la distribuzione di quelle mascherine ai poliziotti penitenziari che giornalmente lavorano a stretto contatto con la popolazione detenuta, ci preoccupa molto”.

“Abbiamo chiesto inutilmente tamponi per gli agenti e dpi adeguati per preservare i detenuti da qualsiasi possibilità di contagio – conclude – e ci mandano la ‘carta igienica’, oppure fanno fare le mascherine alle detenute con tessuto che non offre alcuna protezione”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui