Home Attualità Coronavirus, Abbaticchio scrive a Emiliano: “Definire protocollo di acceso Minori a Comunità...

Coronavirus, Abbaticchio scrive a Emiliano: “Definire protocollo di acceso Minori a Comunità Educative”

Il Garante regionale Ludovico Abbaticchio ha scritto una nota al Presidente Michele Emiliano ed al Direttore del Dipartimento Promozione della salute, Vito Montanaro, per chiedere attenzione alla situazione di criticità che si sta registrando in questo momento di emergenza da Covid-19, nella gestione di Minori per i quali è necessario l’allontanamento dal contesto familiare ed il conseguente collocamento in Comunità Educative o di Pronta Accoglienza.

“La mia richiesta – dichiara Abbaticchio – nasce da una segnalazione pervenuta da parte di un ente del terzo settore in cui si riportano le nuove direttive che, causa Coronavirus, inibisce la possibilità di inserimenti in strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, ivi compreso il collocamento di minori nelle Comunità Educative pugliesi, al fine di scongiurare il rischio in caso di contagi e la possibile nascita di focolai all’interno delle strutture.
Questa limitazione seppur motivata dalla situazione emergenziale che ci ha investito, comporta notevoli difficoltà operative in presenza di Minori in condizione di pregiudizio, o che abbiano subito la separazione dalle figure genitoriali, in conseguenza di ricoveri ospedalieri per malattia da Coronavirus. Non hanno possibilità di trovare ospitalità in alcuna struttura di accoglienza, né possono osservare periodi di isolamento, in assenza di figure adulte di riferimento, né è proponibile il collocamento presso familiari, essendo lo stesso minore elemento di eventuale contagio”.

“Vi chiedo di definire – conclude Abbaticchio – un protocollo di accesso dei Minori alle Comunità Educative che possa conciliare l’esigenza di salvaguardare gli ospiti e gli operatori delle Comunità Educative del territorio con la necessità di tutelare i minori allontanati dai contesti familiari (per situazioni di pregiudizio) o improvvisamente rimasti soli (in conseguenza del contagio dei familiari di riferimento).
Il protocollo dovrà prevedere l’attivazione di un canale preferenziale per l’esecuzione di tamponi faringei, ed il contestuale isolamento durante l’attesa dello stesso (il tempo previsto è di circa 4-6 ore), che consentano di escludere possibili situazioni di positività al Covid-19, così da procedere in sicurezza al successivo collocamento nelle strutture deputate all’accoglienza dei min

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui