Home Attualità Bari, cattedra nel cortile del Marconi. La smentita della preside: “Non è...

Bari, cattedra nel cortile del Marconi. La smentita della preside: “Non è stata lanciata”

Le dichiarazioni della dirigente scolastica che ha sottolineato il motivo per cui la cattedra si trovasse in quel punto esatto

{loadposition debug}

Una cattedra, distrutta, al centro del cortile dell’Istituto Tecnico “Guglielmo Marconi” di Bari. Dalle prime informazioni sembrava  che il tavolo fosse stato lanciato della palestra della scuola, ma la notizia è stata smetintia dalla dirigente scolstica dell’istituto, Anna Grazia De Marzo, che ha negato l’accaduto.

Ecco la sua dichiarazione integrale. “Facendo riferimento ad articoli pubblicati da testate giornalistiche locali nei quali si diffonde la notizia priva di fondamento secondo la quale durante le attività didattiche alternative gestite dagli studenti sia addirittura “volata” una cattedra dal quarto piano nel cortile interno della scuola “sfiorando la tragedia”, si ribadisce come tale presunta notizia non corrisponda alla verità dei fatti. Gli studenti hanno affrontato con spirito costruttivo il primo giorno in cui erano chiamati a gestire autonomamente varie attività formative, preventivamente concordate con la dirigenza scolastica. Oggi, ad esempio, mentre molti erano impegnati in aula magna in un incontro con la Polizia Ferroviaria sulla prevenzione dei rischi correlati al trasporto su rotaie, problematica assai sentita visto il pendolarismo della nostra utenza, altri erano hanno gareggiato in tornei di tennis tavolo e altri ancora hanno partecipato a cineforum e gare di logica e cultura generale”.

“Il clima all’interno dell’istituto è rimasto sempre sereno e la vigilanza da parte degli insegnanti ha escluso il verificarsi di qualsivoglia incidente. La foto riportata dalle suddette testate “giornalistiche” si riferisce a suppellettili in corso di smaltimento, momentaneamente posizionate sul bordo del cortile interno in attesa di essere definitivamente allocate nell’apposito vano interno. Per quanto sopra esposto e chiarito si diffida chiunque dal diffondere o interpretare in maniera assolutamente erronea notizie non corrispondenti alla realtà dei fatti e lesive del buon nome dell’istituto. Pertanto si invitano gli organi di stampa protagonisti di questa spiacevole “svista” a dare ampia smentita di quanto già pubblicato, auspicando che in futuro le notizie siano abbondantemente verificate prima della loro pubblicazione”. 

 

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo