Home Attualità Coronavirus, 62enne barese racconta il suo ricovero: “Ricordo aghi e pianti. Restate...

Coronavirus, 62enne barese racconta il suo ricovero: “Ricordo aghi e pianti. Restate a casa”

Ricorda “gli aghi nelle braccia, le urla e i pianti di chi chiede aiuto da ogni dove, i medici e gli infermieri senza volto che soccorrono pazienti e trasportano cadaveri”. E dopo essere sopravvissuto al Coronavirus, dopo aver trascorso 25 giorni nel reparto di terapia intensiva dell’unità di Pneumologia del Policlinico di Bari, “bloccato in un letto da apparecchi per la ventilazione forzata”, con una lettera aperta invita tutti a “rispettare le regole per prevenire i contagi”.

Enrico De Lisotta, barese 62enne, padre e nonno, è tornato a casa il 16 aprile dopo lunghe giornate trascorse a “soffrire”. Dal 24 marzo, giorno in cui è stato ricoverato perché positivo al Covid-19. “Contagiato dalla mia povera mamma – racconta – che dopo diversi giorni di ricovero ci ha lasciato senza che alcun affetto familiare abbia potuto accompagnarla nel trapasso”.

Enrico ricorda che “il timore di non potercela fare” è stato “costante: soprattutto nel mio caso – spiega – quando i medici si sono arenati di fronte ad un blocco delle capacità di ripresa del polmone destro” che non permetteva una normale ossigenazione del sangue. Poi, la domenica di Pasqua, “una dottoressa di cui purtroppo non riesco a ricordare il nome”, riferisce Enrico, ha una illuminazione: cambiare il piano terapeutico, provando ad aumentare la dose di Eparina. Prima di procedere, però, è necessario un “dolorosissimo prelievo di sangue arterioso, un Emogas.

“Dopo il prelievo, a distanza di una decina di minuti – ricorda – la vedo tornare quasi saltellando di gioia, come se avesse vinto il campionato del mondo”, per annunciargli che il “miracolo era compiuto: i valori erano migliorati”. Nei tre giorni successivi, Enrico è stato trasferito in un reparto meno intensivo.

“Oggi – conclude Enrico – posso dire che il reparto Covid 19 Utr Pneumologia del Policlinico è un reparto di eccellenza”. E anche se non riesce a ricordare il nome di tutti quelli che definisce “angeli”, ci tiene a precisare che “lo staff di medici, infermieri, Oss, ausiliari e personale addetto ad altri ruoli, ha una efficienza degna di lode non solo in termini medico scientifici, ma anche umani. Grazie”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Buon 48esimo Telebari!

Exit mobile version