12.8 C
Comune di Bari
venerdì 23 Aprile 2021
Home Attualità #Disegnopensoecanto, Neuropsichiatria Infantile della ASL Bari: pensieri e parole dei bimbi speciali...

#Disegnopensoecanto, Neuropsichiatria Infantile della ASL Bari: pensieri e parole dei bimbi speciali in una videofiaba

Da leggere

Pensieri, parole e disegni di piccoli artisti speciali. Tanto straordinari da diventare protagonisti, con il loro vissuto, di una videofiaba musicale intitolata “Superkids – La Corona”, che è insieme un inno alla vita e alla creatività: nonostante il “mostro” coronavirus che sì li tiene chiusi in casa, ma è anche la chiave liberatoria per far venir fuori il meglio di ognuno di loro. Il progetto, che si chiama #Disegnopensoecanto, è stato condiviso dalla Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza della ASL Bari e realizzato con il coordinamento del dirigente dell’Area Nord, dottor Giuseppe Cipolla, insieme al musicista pugliese Vincenzo Vescera – in arte Vinvè -, coinvolgendo i bambini seguiti dal servizio di NPIA del distretto Bitonto-Palo del Colle.

Alla base del progetto il confronto tra il dottor Cipolla ed i terapisti del servizio di Neuropsichiatria dell’infanzia ed adolescenza della sede di Bitonto, con l’obiettivo di offrire supporto agli interventi riabilitativi effettuati in remoto dagli stessi al fine di aiutare i bambini in carico, affetti da semplici disturbi evolutivi a più gravi patologie,  nella gestione delle emozioni e delle paure determinate dagli obblighi imposti a tutela della salute pubblica a causa dell’epidemia in corso e che hanno reso le loro vite decisamente più complesse. Ai piccoli pazienti è stato richiesto di produrre pensieri e disegni liberi per dar vita, in una prima fase del progetto ad un videoclip e un testo musicale, per poi essere successivamente utilizzati per ulteriori iniziative.

“Meravigliose le riflessioni scaturite dagli elaborati pervenuti – – spiegano il direttore Lozito e lo stesso Cipolla – da cui si evince una voglia smisurata di tornare alla normalità, andare a scuola, rivedere parenti, amici e ritornare a giocare e a sorridere insieme, rifugiandosi però, allo stesso tempo, in quella fantasia magica tipica dei bambini, in grado di trasformare una stanza circondata da mattoni, in qualsiasi altra cosa la mente desideri”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!