Home Attualità Bari, più verde agli incroci di via Sparano: ecco come cambierà la...

Bari, più verde agli incroci di via Sparano: ecco come cambierà la strada dello shopping

All’incontro presso l’Urban Center grandi assenti i commercianti e i rapprensentanti delle associazioni di categoria

{loadposition debug}

Nuovo verde e nuove sedute in via Sparano. Il progetto, presentato all’Urban Center di Bari, è stato illustrato per portare a conoscenza dei cittadini come cambierà nei prossimi mesi la via dello shipping seguendo le direttive del restyling scelto. Modalità e tempi di realizzazione sono stati presentati dall’assessore all’Urbanistica Carla Tedesco e allo Sviluppo Economico Carla Palone. 

All’incontro non hanno preso parte i commercianti di via Sparano e i rappresentanti delle associazioni di categoria. Il punto della situazione nelle parole dell’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso.“Torniamo a incontrare i cittadini e i comitati che negli scorsi mesi si sono espressi variamente sul progetto di riqualificazione di via Sparano per fare un punto sull’imminente avvio del cantiere e dimostrare, rendering alla mano, che manterremo l’impegno di aumentare sia l’impronta verde della nuova via Sparano sia il numero delle sedute a disposizione dei cittadini. Oggi siamo qui per rispondere a tutte le domande che ci verranno poste, nella speranza che questo incontro chiarisca gli ultimi dubbi sui lavori, che partiranno il prossimo 9 gennaio”.

“L’incontro di questo pomeriggio è un’ulteriore occasione per condividere con tutti gli interessati una serie di aspetti di dettaglio del restyling di via Sparano – ha sottolineato Carla Palone – Sono costantemente in contatto con tutti i commercianti della strada, che ormai conoscono perfettamente il progetto nelle sue linee generali. È però la prima volta che presentiamo i rendering nella loro versione definitiva, e ritengo siamo arrivati ad una soluzione di grande qualità che restituirà decoro e bellezza a questa strada, che per decenni è stata oggetto esclusivamente di interventi parziali, privi di qualsiasi visione di insieme”. 

[bt_slider uid=”1480439979-583db8abf0df8″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/2.JPG” title=”2.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/1.JPG” title=”1.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/3.JPG” title=”3.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

 

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo